ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Ambiente: Caretta (Fdi), 'sbagliato stop a caccia moriglione e pavoncella'-Zangrillo: "Seconda ondata virus? Nessuno lo sa, immaginiamo di no"-Coronavirus: Zangrillo, 'paura era giustificata, ai ragazzi dico di usare cautela'-Coronavirus: Zangrillo, 'paura era giustificata, ai ragazzi dico di usare cautela' (2)-**Coronavirus: Zangrillo, 'ho rispetto per Cts ma noi non siamo 'poveri clinici'**-Coronavirus: Zangrillo, 'seconda ondata? Nessuno lo sa, immaginiamo di no'-Fase 2: guasto alla piscina Cozzi, si allaga nel giorno della riapertura-Coronavirus: Salvini, 'bene Mattarella, non usare sofferenze per attacchi politici'-Brescia: sindaco Del Bono scrive a Collebeato dopo spari a Sprar, 'fare luce' (2)-2 giugno: Fontana, 'domani sarò con Mattarella, grazie per essere qui'-2 giugno: Mattarella, emblema ripartenza, le parole a concerto per vittime Coronavirus-2 giugno: Mattarella, emblema ripartenza, le parole a concerto per vittime Coronavirus (2)-2 giugno: Mattarella, emblema ripartenza, le parole a concerto per vittime Coronavirus (3)-2 giugno: Mattarella, emblema ripartenza, le parole a concerto per vittime Coronavirus (4)-2 giugno: Mattarella, emblema ripartenza, le parole a concerto per vittime Coronavirus (5)-2 giugno: Mattarella, emblema ripartenza, le parole a concerto per vittime Coronavirus (6)-2 giugno: Mattarella, emblema ripartenza, le parole a concerto per vittime Coronavirus (7)-2 giugno: Mattarella, emblema ripartenza, le parole a concerto per vittime Coronavirus (8)-2 giugno: domani sindaco Sala alla cerimonia in Duomo-Fase 2: Mattarella, 'impegno comune, misura e attaccamento a istituzioni'

Scontri di immigrati a Lampedusa: l’isola non puo’ sostituirsi all’Italia

Condividi questo articolo:

Alla luce di quanto accaduto nelle ultime 24 ore, Ecoseven.net propone una riflessione su Lampedusa. L’unica vocazione dell’isola è il turismo. E’ l’Italia che deve risolvere i problemi dell’immigrazione, un grande paese come il nostro non si può affidare ad una piccola isola come questa

Il Viminale ha garantito che entro 48 ore Lampedusa sarà liberata dagli immigrati clandestini, più di 1500, che in queste ore hanno messo a ferro e fuoco la bellissima isola, un tempo sinonimo di turismo oggi sinonimo di caos e mancanza di legge e regole.

A Luglio avevamo scritto di non lasciare soli i lampedusani, di fare le vacanze in un’isola dove la biodiversità e la bellezza del mare la fanno da padroni. Era stato persino preparato uno spot dal Governo per invogliare le presenza turistiche in estate e secondo alcuni l’estate non è andata male nei numeri.

E ora? E’ evidente che il binomio e immigrati turismo non potrà più reggere e Lampedusa e i lampedusani si stanno trovando di fronte ad una scelta, dal sapore inevitabile, che probabilmente non saranno loro ad effettuare.

L’isola palco e scenario di diversi film che hanno fatto la storia cinematografica italiana sta diventando nell’immaginario comune la Alcatraz d’Italia, la punta più lontana di un paese che ha difficoltà nel fermare e integrare i flussi migratori. Un’isola che è stata anche esempio di solidarietà a Marzo quando gli stranieri hanno reiniziato ad arrivare in modo massiccio, i lampedusani hannoorganizzato catene di solidarietà con la Parrocchia e le associazioni benefiche.

Oggi la loro amarezza è evidente e il loro ’rifiuto’ di continuare ad accogliere gli stranieri è del tutto umana. Un’isola nella quale manca anche l’ospedale come può continuare ad essere il crocevia di sbarchi e di soggiorni. Lampedusa deve recuperare la sua vocazione che è quella turistica, da sola non può fare altro. Non ce la può fare. La grandezza dell’Italia non può essere contenuta nella piccolezza di un’isola come Lampedusa. (michele guerriero)

Questo articolo è stato letto 4 volte.

immigrati, isola di lampedusa, lampedusa, lampedusa alcatraz, lampedusa e italia, scontri immigrati a lampedusa, solidarietà e immigrati, viminale e lampedusa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net