La salvaguardia dell'ambiente e' un grande valore. Anche economico

Quanto valgono, in soldoni, la barriera corallina o le foreste tropicali? Ma soprattutto, quanta ricchezza produce la loro salvaguardia, ad esempio attraverso il turismo? Uno studio, ma anche una nuova disciplina: l'economi degli ecosistemi e della biodiversità

Sono passati appena pochi giorni dalla Giornata mondiale della Terra, che ci ha ricordato l’esigenza ed importanza di rispettarla. Ma lo sapevate che esiste anche un valore stimato in soldi nel salvataggio dei beni naturali che possediamo? Teeb (The Economics of Ecosystems and Biodiversity Study) nell’ottobre 2010 ha stimato come il business che ruota attorno alla biodiversità, a livello di turismo sostenibile, sia davvero eccezionale. Vediamo insieme le cifre (astronomiche) di quotazione delle composizioni naturali del nostro bellissimo pianeta.

La barriera corallina, che ultimamente sta soffrendo molto l’inquinamento, è un grande motivo di vanto sia dal punto di vista naturale sia dal punto di vista turistico: aiuta a ripopolare i mari, protegge le coste e molte altre cose. Valore monetario stimato: 800mila euro per ettaro all’anno.
 
Per quanto riguarda invece la palude costiera, questa ha il vantaggio di depurare gratuitamente e accogliere un ecosistema ricco. Valore monetario stimato: 215mila euro per ettaro all’anno.
 
Fiumi e laghi, invece, solo per il fatto di essere incredibili riserve idriche, ottengono fino a 8.900 euro per ettaro ogni anno.
 
Anche le foreste tropicali non sono da meno: forniscono con grande equilibrio ossigeno e carbonio, aiutando a contenere l’effetto serra, ripopolando altresì ambienti altrimenti aridi e rimpingua con i suoi preziosi elementi molti settori (farmaceutici, alimentari, ecc.). Il loro valore monetario stimato è di circa 15mila euro per ettaro l’anno.
 
Anche i benefici provenienti dagli ecosistemi marini del Mar Mediterraneo sono molto elevati: valgono oltre 10mila euro l’anno al km quadrato.

(VG)

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER