Il labirinto di bambù più grande al mondo è in Italia

Un viaggio tra natura, mistero e arte, sulla scia dei racconti di Jorge Luis Borges

 

Il labirinto della Masone, parco culturale inaugurato a fine maggio a Fontanellato -in provincia di Parma, è stato ideato e finanziato da Franco Maria Ricci, un editore emiliano, studioso e collezionista, nonché amico di uno dei più importanti scrittori del XX secolo, l'argentino Jorge Luis Borges. La costruzione del labirinto è stata ispirata proprio dalle opere di quest'ultimo, in cui era ricorrente la tematica della moltitudine dei percorsi possibili come metafora della complessità del mondo e della nostra esistenza.

Il labirinto di Franco Maria Ricci si estende in uno spazio totale di 7 ettari, nel quale, oltre alle 400.000 piante di bambù di specie diverse che compongono il dedalo all'interno del quale ci si dovrà districare, ci sono anche un museo, una biblioteca, una casa editrice, un bistrot e molti altri spazi culturali e ricreativi ancora in costruzione.

Il centro del complesso è una piazza di duemila metri quadrati, con una struttura sovrastata da una piramide -all'interno della quale ci sarà una cappella dove ci si potrà sposare- e tutto intorno le siepi, i corridoi infangati, la poca luce, il mistero. Non è un semplice labirinto quello della Masone, ma  un'esperienza artistica maestosa e enigmatica, che ospiterà anche mostre temporanee, come quella dedicata ad Antonio Ligabue che è stata allestita in questi mesi, in occasione dell'Expo 2015, e che sarà visitabile fino a ottobre.

La struttura, inoltre, è stata inserita all'interno del circuito dei castelli del Ducato di Parma e Piacenza, in quanto itinerario da scoprire.

È un luogo appena nato, nuovo ma vecchio, intenso ed epico come le storie che può contenere.

Non c'è che da andarlo a visitare.

ec

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER