ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Biathlon: CdM, Davidova vince l'individuale a Oestersund e Vittozzi 13esima-Sci fondo: CdM, finlandese Niskanen vince 15 km tc a Ruka-Manovra: migliaia a manifestazione Cgil, Cisl e Uil a Milano-Energia: Guidesi, 'governo usi ogni risorsa anche Rdc per abbattere costi'-Scuola, fine occupazione al liceo Righi: "abbiamo testato un modo diverso di imparare, funziona"-Filosofi: addio a Gilbert Harman, autore importanti contributi filosofia linguaggio-Cremona: ai domiciliari ma riceve reddito cittadinanza, denunciato con la moglie-Moto: Eicma, si accende lo spettacolo dell'Arena Motolive-**Quirinale: Alfiere della Repubblica, attestato istituito nel 2010 per giovani modello**-Scuola: siglato protocollo tra Mi e Confindustria moda-Scuola: siglato protocollo tra Mi e Confindustria moda (2)-**Quirinale: drone impollinatore, radio digitale, laboratorio a Malaspina, i premi di Mattarella**-**Quirinale: drone impollinatore, radio digitale, laboratorio a Malaspina, i premi di Mattarella** (2)-**Quirinale: Francesco Tortora, un aiuto agli anziani per avere il green pass**-**Quirinale: Aurora Vannucci, scrivere sognando libri per ragazzi**-Teatro: addio a Henry Woolf, mirabile interprete delle commedie dell'amico Pinter-**Quirinale: Chiara Vecchi, 'scrivere e raccontare per uscire da solitudine lockdown'**-**Quirinale: Betsalot, la borsa di studio condivisa con la migliore amica**-**Benedetta Petrongari, integrare si può**-**Quirinale: Andrea Pigato, la malattia come opportunità di crescita**

In Italia cala il consumo di frutta e verdura

Condividi questo articolo:

L’Italia è il paese del buon cibo ma anche delle cattive abitudini a tavola. In dieci anni, tra il 2000 e il 2010, è calato del 22 per cento il consumo di frutta e verdura nelle famiglie italiane. Colpa degli eccessivi rincari, causati da condizioni di lavoro degli agricoltori sempre più complicate

L’Italia è il paese del buon cibo e del buon vino, le nostre abitudini alimentari sono famose in tutto il mondo e tutto il mondo ce le invidia. Però spesso ci dimentichiamo che la ricetta per stare bene è seguire una dieta il più possibile completa: pasta, carne, latte, uova, ma soprattutto frutta e verdura. Mele, pere, arance, banane, lattuga, spinaci, legumi devono essere presenze fisse sulle nostre tavole. Ma negli ultimi dieci anni si è registrato un calo dei consumi preoccupante: gli acquisti di frutta e verdura delle famiglie italiane sono passati da 450 chili nel 2000 e 350 chili nel 2010. Cento chili in meno.

Un dato che fa riflettere e che sicuramente sarà affrontato nel corso del Mac Frut 2011, la rassegna internazionale sull’ortofrutta che si è aperta oggi a Cesena. Il trend del calo dei consumi di frutta e verdura nelle famiglie, segnala la Coldiretti, sta proseguendo anche nel 2011 con una diminuzione in quantità del 3% nel primo semestre. Nel 2010 le famiglie italiane hanno acquistato 8,3 milioni di tonnellate di ortofrutta per una spesa complessiva di 13 miliardi, di cui circa 4,5 milioni di tonnellate gli acquisti di frutta e 3,8 milioni di tonnellate quelli degli ortaggi.

I problemi legati al crollo dei consumi di frutta sono da ricercare nei costi che si sono notevolmente alzati negli ultimi anni: responsabilità di tutti gli attori della filiera produttiva e delle difficili condizioni di lavoro in cui si trovano sempre più spesso gli agricoltori.

giacomo gallo

Questo articolo è stato letto 10 volte.

cibo, consumi, frutta, salute, verdura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net