Fruttarianesimo: la scelta radicale di mangiare solo frutta

Condividi questo articolo:

Il fruttarianesimo e’ una scelta radicale: mangiare solo frutta eliminando dalla propria dieta verdura, prodotti di origine animale e i cereali

Scoppia la moda del fruttarianesimo, la predisposizione verso un’alimentazione composta solo da frutta fresca e frutta secca. Vengono esclusi dalla dieta, quindi, verdura, prodotti di origine animale e i cereali. La scelta fruttariana è radicale, alcuni contemplano come frutta solo quella polposa, matura e con semi, altri addirittura preferiscono non arrecare danni alla natura e si cibano solo della frutta caduta dall’albero. Altre persone fruttariane preferiscono frutti senza semi in quanto questi corrisponderebbero alla fase embrionale della pianta. Ma c’è anche chi assume fagioli e piselli o legumi perché considerati frutta dal punto di vista botanico, oppure chi aggiunge alla dieta miele, cioccolato e olio extravergine di oliva.

Il primo pioniere del fruttarianesimo è stato il professore Arnold Ehret alla fine del 1800, già vegano si orientò verso questa scelta per debellare da se stesso una malattia dichiarata incurabile per quel periodo. La sua ricerca e l’esperienza diretta lo condussero alla guarigione.

Scegliere il fruttarianesimo come filosofia e dieta contrasterebbe con i dettami imposti dalla società globale. Certo è che la frutta aiuta a mantenere inalterati e in buona salute i livelli di glucosio nel sangue, facendo lavorare in modo corretto il pancreas. La frutta è anche un ottimo toccasana per mantenere un peso costante e salutare, valori bassi di e pressione.

Dopo vegetariani e vegani, è la volta dei fruttariani, il fruttarianesimo è solo all’inizio.

(gc)

 

Questo articolo è stato letto 126 volte.

cos'è il fruttarianesimo, dieta, fruttarianesimo, vegani, vegetariani

Comments (11)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net