Mobilita' sostenibile: a Cagliari si attiva il servizio di bike e car sharing

Il servizio di bike e car sharing sara' disponibile a Cagliari dal prossimo 22 aprile e si basera' sullo scambio intermodale tra auto e bici in citta'

Il servizio di bike e car sharing sarà presto disponibile a Cagliari. Il Comune sardo infatti, attiverà da martedì prossimo (22 aprile) l’ambizioso programma di mobilità sostenibile che permetterà ai residenti di prendere l'auto in affitto per commissioni, svago o lavoro. Servizio che si integrerà con quello di bike sharing, bici a noleggio, già presente in città, ma che ora partirà nella sua versione ‘2.0’, con l'aggiunta di sei nuove ‘stazioni’. Il sindaco Massimo Zedda, ha infatti dichiarato che ‘alcune stazioni di bike sharing sono state realizzate in prossimità di quelle di car sharing, e vicino alle fermate della metropolitana: l'obiettivo è puntate sull'intermodalità creando integrazione tra le diverse reti di trasporto’.

Il programma di mobilità sostenibile del comune cagliaritano sarà quindi incentrato sullo scambio intermodale tra auto e bici in città. Da un lato i cittadini potranno contare su dieci Nissan Micra a benzina.

Ogni auto dovrà essere riportata nella stessa stazione da cui è stata presa. L'abbonamento annuale costerà 95 euro. La tariffa generale per il noleggio dell’auto all’ora è di 1.50 euro (gli studenti potranno godere di un’ulteriore riduzione di 1 euro all’ora). La prenotazione si potrà fare su internet, tramite PC o smartphone, oppure attraverso una telefonata.

Il secondo aspetto, riguarda inoltre il bike sharing, potenziato con l’aggiunta di nuove ‘stazioni’ e 105 bici, (di cui 35 a pedalata assistita). Le tariffe sono di 30 euro per l'abbonamento annuale, 10 per quello mensile, 8 euro per una settimana e 5 euro la tariffa giornaliera. ‘L'intenzione del Comune - ha sottolineato il presidente della commissione Trasporti, Guido Portoghese - è quella di integrare le tre tessere della mobilità cittadina, cioè quella Playcar, quella Bicinincittà, con la Proxy card del Ctm. Va sottolineata poi la competitività dei costi dei due servizi di car e bike sharing: per il primo gli importi sono i più bassi d'Italia’.

(Matteo Ludovisi)

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER