Flash News:
Post title marquee scroll
Economia dell'usato come leva per la ripresa, in Italia vale 24 mld-Studiare biodiversità Mediterraneo senza nuocere a balene e delfini-Facebook: Sensi, 'bene battaglia vinta insieme per Mariano Giustino'-Rifiuti: traffico illecito e discariche abusive, eseguite 16 misure cautelari-Elezioni: Calabria (Fi), 'da governo arroganza e analfabetismo democratico'-Migranti: Alarm phone, 80 in pericolo in acque Sar maltesi-Economia dell'usato come leva per la ripresa, in Italia vale 24 mld-**Bce: Lagarde, 'non credo a nuova crisi debito sovrano in Eurozona'**-Gen. Guarino: "Cosa nostra voleva lista civica per influenzare scelte politiche'-Mafia: gen. Guarino, 'Cosa nostra voleva lista civica per influenzare scelte politiche' (2)-Fase 2: Consulenti lavoro Palermo, 'metà cassintegrati senza soldi fino a settembre'-Fase 2: Consulenti lavoro Palermo, 'metà cassintegrati senza soldi fino a settembre' (2)-Sicilia: Dissesto idrogeologico, a Capri Leone si consolida il centro abitato-Sicilia: assessore Grasso, 'Governo Musumeci ha posto fine a precariato enti locali'-Milano-Bicocca, nasce laurea per manager trasparenza e innovazione-Titoli Stato: spread Btp-Bund apre a 202 punti base, rendimento 1,59%-Mafia: arresti Palermo, nessuna vittima pizzo ha denunciato gli estorsori-Milano-Bicocca, nasce laurea per manager trasparenza e innovazione-Caos Procure: 'tutti con te, anche Legnini', gli sms tra Palamara e il pm di Salvini-Coronavirus: Policlinico Milano, un positivo in 5 giorni ma il virus non si è attenuato

La Germania prevede di tagliare le emissioni del 95% entro il 2050

Condividi questo articolo:

Gli obiettivi di riduzione dell’impatto ambientale sul pianeta da parte dei Paesi sono sempre più ambiziosi: ecco il caso tedesco

La Germania ha appena annunciato i suoi piani per ridurre le emissioni di gas serra e si parla di numeri molto importanti: una riduzione dall’80 al 95% entro il 2050. I leader del governo di coalizione hanno raggiunto l’accordo giusto in tempo per la Conferenza sul clima di Marrakech, COP22, e il progetto include anche piani per ridurre le emissioni di anidride carbonica di un quinto entro il 2030.

Anche se l’accordo prevede una clausola che permetterà una revisione degli obiettivi nel 2018, rappresenta comunque un grandissimo passo in avanti. C’erano stati già dei tentativi in precedenza, fatti dal Ministro tedesco per l’Ambiente Barbara Hendricks nel 2015, che presentavano obiettivi di riduzione di CO2 per i diversi settori industriali, ma erano stati ostacolati dai ministri speciali dei diversi partiti del governo di coalizione. L’accordo finale contiene alcuni compromessi, tra cui: obiettivi di riduzione più bassi per le centrali elettriche e l’assenza di un prezzo minimo per i certificati di inquinamento previsti dalle disposizioni europee in materia.

Nonostante le preoccupazioni per la perdita di posti di lavoro causata della graduale eliminazione della lignite (che rilascia la più alta quantità di emissioni di CO2 per tonnellata quando bruciata), il Ministro tedesco per l’Economia, Sigmar Gabriel, ritiene che il piano è una soluzione buona e ben bilanciata e che altri Paesi seguiranno le orme di questa politica climatica ambiziosa.
Greenpeace ci ha tenuto a lodare il governo tedesco per aver scelto riduzioni specifiche per ogni settore e per puntare a una graduale eliminazione del carbone. La fine dell’era del motore a scoppio passerà anche per quel 95%.

Questo articolo è stato letto 3 volte.

CO2, eco, germania, Green Economy, rinnovabili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net