Scandalo Volkswagen: elusi test di inquinamento

Volkswagen ha ammesso di aver violato le norme antismog in Usa. Crolla il titolo in borsa

WhatsApp Share

 

Tutto pur di vendere. Il colosso tedesco dell'auto, Volkswagen, ha ammesso di aver violato le norme antismog in Usa. Ad accorgersi dell'accaduto e ad accusare la casa automobilistica di aver eluso i test di inquinamento atmosferico è stata l'agenzia per la protezione ambientale americana (Epa).

La Volkswagen ha ammesso le proprie colpe attraverso le parole dell'amministratore delegato Martin Winterkorn, che si è detto «profondamente dispiaciuto» per l'accaduto. «Sono profondamente dispiaciuto di aver tradito la fiducia dei consumatori e faremo tutto il necessario per riparare il danno che la vicenda ha causato. Non tollereremo altre violazioni dei nostri regolamenti interni e della legge», ha dichiarato il top manager.

E mentre la società ha già annunciato lo stop alla vendita dei modelli diesel negli Usa, si pensa già alla maxi multa da affliggere alla casa automobilistica (si pensa attorno ai 18 miliardi di dollari).

 

Lo scandalo ha avuto delle ripercussioni anche in Borsa: il titolo ieri ha aperto con un tonfo superiore al 20% e in tarda mattinata cedeva il 19% a 31,25 euro.  

gc