ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Coronavirus: a Termini Imerese un cittadino positivo al Covid, 64 in isolamento-2 giugno: celebrazioni anche a Palermo, Prefetto depone corona a monumento caduti-Terremoto, scosse nel fiorentino-L'adolescenza ribelle dei cani-Ambiente: Caretta (Fdi), 'sbagliato stop a caccia moriglione e pavoncella'-Zangrillo: "Seconda ondata virus? Nessuno lo sa, immaginiamo di no"-Coronavirus: Zangrillo, 'paura era giustificata, ai ragazzi dico di usare cautela'-Coronavirus: Zangrillo, 'paura era giustificata, ai ragazzi dico di usare cautela' (2)-**Coronavirus: Zangrillo, 'ho rispetto per Cts ma noi non siamo 'poveri clinici'**-Coronavirus: Zangrillo, 'seconda ondata? Nessuno lo sa, immaginiamo di no'-Fase 2: guasto alla piscina Cozzi, si allaga nel giorno della riapertura-Coronavirus: Salvini, 'bene Mattarella, non usare sofferenze per attacchi politici'-Brescia: sindaco Del Bono scrive a Collebeato dopo spari a Sprar, 'fare luce' (2)-2 giugno: Fontana, 'domani sarò con Mattarella, grazie per essere qui'-2 giugno: Mattarella, emblema ripartenza, le parole a concerto per vittime Coronavirus-2 giugno: Mattarella, emblema ripartenza, le parole a concerto per vittime Coronavirus (2)-2 giugno: Mattarella, emblema ripartenza, le parole a concerto per vittime Coronavirus (3)-2 giugno: Mattarella, emblema ripartenza, le parole a concerto per vittime Coronavirus (4)-2 giugno: Mattarella, emblema ripartenza, le parole a concerto per vittime Coronavirus (5)-2 giugno: Mattarella, emblema ripartenza, le parole a concerto per vittime Coronavirus (6)

Il giro del mondo in 80 giorni con le auto elettriche

Condividi questo articolo:

Una gara per veicoli elettrici, iniziata il 16 giugno a Madrid, per un futuro di trasporti sostenibili a emissioni zero

Si chiama 80edays 2016 questa competizione mondiale per auto elettriche nella quale 11 squadre internazionali provenienti da tutto il globo si sfidano a fare il giro del mondo in 80 giorni – quello che Jules Verne fece fare a Phileas Fogg e al suo cameriere Passepartout. 

Dopo essere partite da Madrid il 16 giugno, in questo momento i team stanno attraversando gli Stati Uniti, con la Svizzera in testa da qualche parte nel Nevada: tutto il percorso si snoderà attraverso 20 paesi, 3 continenti e 25.000 Km.

La maggior parte dei piloti stan guidando auto elettriche Tesla – una Roadster e otto berline Modello S – tranne la squadra cinese, che sta correndo con una DENZA, una vettura tedesca prodotta in Cina, e la squadra ungherese, che sta guidando l’innovativo Modulo Bus, un bus elettrico ungherese.
Inoltre, i partecipanti piantano alberi lungo il percorso per aiutare a compensare eventuali emissioni di gas serra generate dalla gara: infatti, anche se il fatto che loro guidino dei veicoli elettrici a emissioni zero fa sì che i loro spostamenti non creino problemi all’ambiente, naturalmente devono anche muoversi con aerei inquinanti tra i continenti, quindi con gli alberi recuperano quelle emissioni nocive di anidride carbonica.

La sfida 80edays è la seconda gara per veicoli elettrici al mondo: la prima, che c’è stata nel 2012, era stata vinta da Rafael de Mestre, che adesso sta seguendo come ambasciatore questo rally elettrico.

Sono molti a credere che le auto elettriche saranno e dovranno essere il nostro futuro: una competizione come questa serve a fare da campagna pubblicitaria alle possibilità offerte da questa tecnologia.

Noi tifiamo per il nostro team italiano, ovviamente!

(Ecco i pro e i contro dell’auto elettrica)

Questo articolo è stato letto 3 volte.

auto, auto elettrica, motori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net