Flash News:
Post title marquee scroll
Gen. Guarino: "Cosa nostra voleva lista civica per influenzare scelte politiche'-Mafia: gen. Guarino, 'Cosa nostra voleva lista civica per influenzare scelte politiche' (2)-Fase 2: Consulenti lavoro Palermo, 'metà cassintegrati senza soldi fino a settembre'-Fase 2: Consulenti lavoro Palermo, 'metà cassintegrati senza soldi fino a settembre' (2)-Sicilia: Dissesto idrogeologico, a Capri Leone si consolida il centro abitato-Sicilia: assessore Grasso, 'Governo Musumeci ha posto fine a precariato enti locali'-Milano-Bicocca, nasce laurea per manager trasparenza e innovazione-Titoli Stato: spread Btp-Bund apre a 202 punti base, rendimento 1,59%-Mafia: arresti Palermo, nessuna vittima pizzo ha denunciato gli estorsori-Milano-Bicocca, nasce laurea per manager trasparenza e innovazione-Caos Procure: 'tutti con te, anche Legnini', gli sms tra Palamara e il pm di Salvini-Coronavirus: Policlinico Milano, un positivo in 5 giorni ma il virus non si è attenuato-Rifiuti: traffico illecito e discariche abusive, in corso operazione del Noe-Mafia: arresti Palermo, boss organizzavano lista civica per le amministrative Misilmeri-Mafia: arresti Palermo, inquirenti 'vittima chiese intermediazione boss'-Mafia: estorsioni e minacce, maxiblitz nel palermitano con otto arresti-Mafia: estorsioni e minacce, maxiblitz nel palermitano con otto arresti (3)-Mafia: estorsioni e minacce, maxiblitz nel palermitano con otto arresti (4)-**Mafia: arresti Palermo, tra gli estorsori anche la prima vittima Covid in carcere**-Coronavirus: Moody's, per banche italiane può rallentare riduzione Npl

Diventerà obbligatoria in casa la presa per le auto elettriche

Condividi questo articolo:

Una norma europea prevede che per ottenere le concessioni edilizie nel progetto vadano inseriti gli allacci per l’auto elettrica

Quanti hanno una presa per ricaricare l’auto elettrica in casa? Quasi nessuno, ma il settore crescerà e a breve sarà obbligatorio avere la possibilità di alimentare le auto elettriche nella nostra residenza (ovviamente al suo esterno).

Si tratta di una nuova norma europea che dovrebbe entrare in vigore nel giugno del 2017; anche il nostro paese dovrà ovviamente adeguarsi.
“I comuni non potranno rilasciare il permesso a costruire per gli edifici residenziali e non residenziali con superficie superiore a 500 mq se non è prevedono l’allaccio per l’installazione di infrastrutture elettriche da utilizzarsi per la ricarica dei veicoli”, spiega il portale laleggepertutti.it

Al momento la legge non è in vigore, ma, essendo una normativa comunitaria, il Governo dovrà metetrvi mano e poi far approvare il testo alle camere.

Ciò significa che a partire da metà 2017 le concezioni edilizie saranno subordinate alla verifica della predisposizione all’allaccio per la presa delle auto elettriche in cui ricaricare le batterie. Tali misure dovranno essere idonee a permettere la connessione di una vettura da ciascuno spazio a parcheggio coperto o scoperto e da ciascun box per auto, in conformità alle disposizioni edilizie di dettaglio fissate nel regolamento stesso.

Ecco chi dovrebbe riguardare la norma:

  • edifici residenziali di nuova costruzione con almeno 50 unità abitative e relativi interventi di ristrutturazione edilizia di primo livello;
  • difici di nuova costruzione a uso diverso da quello residenziale con superficie utile superiore a 500 mq e relativi interventi di ristrutturazione edilizia di primo livello.

Ecco come funziona in pratica la ricarica di un’auto elettrica.

Questo articolo è stato letto 2 volte.

alimentazione, auto, auto elettrica, casa, energia, presa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net