Freddo, in Italia e' allerta Gas. La Russia potrebbe ancora diminuire le forniture

Allerta gas in Italia. La Russia ha diminuito le forniture del gas e non si sa bene ancora da giovedi quale sarà il flusso di gas verso il nostro paese. Oggi riunione al Mise

Le temperature di questi giorni e il freddo rigido potrebbero causare un problema di rifornimento di gas. Infatti oggi si dovrebbe toccare il picco dei consumi, un record storico a detta degli esperti e di coloro che hanno dimestichezza con numeri e statistiche: un consumo previsto di circa 440 milioni di metri cubi di gas, dovuto non solo al consumo domestico ma anche alla riapertura delle industrie.

Dalla Russia e dal rigassificatore di Rovigo le forniture di gas in queste ore sono diminuite, per questo si è pensato di aumentare le importazioni da Algeria e Nord Europa. Oggi si riunirà al Ministero dello Sviluppo economico il Comitato per il monitoraggio e l'emergenza gas per valutare la situazione che si sta creando in queste ore. Ieri la richiesta di gas è arrivata a circa 385 milioni di metri cubi.

L'Italia ha reagito bene sin'ora alla riduzione del gas proveninete dalla Russia, come ha confermato, ieri al Gr radio, l'amministratore delegato di Eni, Paolo Scaroni. Ma l'ondata di freddo che colpirà la Russia giovedi e venerdi prossimo potrebbe creare ulteriori problemi alle forniture italiane. Dalla riunione di oggi sapremo qualcosa in più. D'altronde le temperature rigide che ancora ci attendono sono preoccupanti. (red)

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER