ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Fase 2: Bertolaso, 'Fontana mi chiede una mano? Sono un pensionato ma lo aiuto volentieri'-Gilet arancioni, denunciato Pappalardo-Milano: presidio gilet arancioni autorizzato, saranno denunciati per Dpcm-**Milano: Sala, 'chiesto a prefetto di denunciare gilet arancioni per manifestazione'**-Coronavirus: quasi 51mila guariti in Lombardia, stabili ricoveri in terapia intensiva-Spazio: Dragon-2 di Space X pronta al lancio, resta rischio meteo-Fase 2: sindaco Trapani, 'assistenti civici? Fesseria, Boccia torni al Consiglio comunale'-Fase 2: Dadone, 'con dl semplificazioni obbligo a pubblicare tempi pratiche edilizie'-Ricerca: dalle Tac ai controlli in dogana, nuovo materiale 'smaschera' radiazioni-Appalti: Salini, 'superare codice? D’accordo con Di Maio'-Coronavirus: Abi, domande a Fondo Garanzia 1 miliardo al giorno, finora arrivate 21,3 mld-Fase 2: Il comune di Cefalù pubblica le nuove regole per i bagnanti-Sicilia: 'Musumeci ritiri delega assessore leghista', il 2 giugno manifestazione a Palermo-Sicilia: Dissesto idrogeologico, a San Teodoro al via i lavori di consolidamento-Agrigento: invece dei meloni coltivavano serra cannabis, denunciati padre e figlio-Messina: riciclaggio e reimpiego di fondi illeciti, quattro arresti della Gdf-Messina: riciclaggio e reimpiego di fondi illeciti, quattro arresti della Gdf (2)-Lufthansa: fonti, accordo trovato tra Berlino e Ue su piano salvataggio-Coronavirus: arrivato aereo Onu con 12 tonnellate di aiuti umanitari-Usa: sindaco di Minneapolis, coprifuoco per tutto il weekend

Eolico, Togni (Anev) risponde a Sgarbi: siamo attenti al paesaggio nell’installazione

Condividi questo articolo:

Simone Togni non ci sta alle affermazioni di Sgarbi: Anev e le associazioni ambientaliste ci tengono alla difesa del territorio. Le installazioni delle pale eoliche sono vietate in zone di alto interesse paesaggistico

Eolico si o eolico no? Qualche giorno fa Vittorio Sgarbi, in un’intervista sulla questione Tav o non Tav, aveva detto che le pale eoliche rovinavano il paesaggio, deturpando e violentando il territorio in cui esse sono installate. A queste parole ha risposto, in un’intervista, Simone Togni, Presidente di Anev, Associazione nazionale energia del vento.  

Simone Togni, è vero che le pale eoliche danneggiano il paesaggio? Cosa risponde a Vittorio Sgarbi che ha affermato che le pale eoliche deturpano il territorio?

L’aspetto relativo al paesaggio è vero, le pale eoliche sono visibili a tutti. Ma come Associazione abbiamo un protocollo che evita l’installazione delle pale eoliche in aree a elevato livello di attenzione paesaggistica. L’osservazione di Vittorio Sgarbi è un’osservazione che possiamo dire di condividere, dal momento che anche noi facciamo attenzione al luogo e al sito dell’installazione. Ma Sgarbi pecca di incoerenza se ammette la costruzione del Tav e chiede che le pale eoliche non vengano installate. Tutte le opere di origine antropica deturpano e danneggiano il paesaggio e l’ambiente.

In realtà, oggi grazie ad Anev si può dire che l’impatto ambientale è limitato al tempo in cui è installata la pala eolica, ovvero 20 o 30 anni, poi vi è l’obbligo di ripristino del sito. Sgarbi dovrebbe saperlo essendo stato, fino a pochi giorni fa, Sindaco di un Comune, Salemi, in cui sono installate tante pale eoliche.

A livello ambientale, l’eolico è pericoloso per l’avifauna?

Noi di Anev abbiamo attivato, per la protezione dell’avifauna, un regolamento con Legambiente, Wwf e Greenpeace, che vieta l’installazione delle pale eoliche lungo i corridoi migratori. E per aver dati ancora più precisisi la nostra associazione, insieme a Legambiente, al Ministero dell’Ambiente, e specialisti di livello internazionale, ha dato vita all’Osservatorio Nazionale sull’avifauna e sui chirotteri, al fine di avere un protocollo che indichi una mappatura precisa delle vie di migrazione degli uccelli e dei siti, quindi, ove è possibile installare l’eolico. Vorrei anche aggiungere che, in termini percentuali, le pale eoliche rappresentano una percentuale infinitesimale nell’impatto che esse hanno nel danneggiare l’avifauna. Muoiono molti più uccelli a causa dell’impatto con palazzi e strutture e veicoli dell’autostrada.

(GC)

Questo articolo è stato letto 1 volte.

anev, eolico, eolico e impatto ambientale, eolico e paesaggio, impatto paesaggistico dell'eolico, togni risponde a Sgarbi, Vittorio Sgarbi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net