ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Fenimprese: ecco libro 'E' nata una stella', ricavato in beneficenza-Social, Udicon: influencer no, recensioni on line sì, ecco come italiani scelgono acquisti-Energia, Zullo (Miwa Energia): "Fine tutela, centrali trasparenza e attenzione per utente"-Professioni, Corrado Sassu: "L'agente immobiliare è l'investigatore privato di chi cerca casa"-Crollo Firenze, Cifa Italia: "Creare sistema di rating di qualità delle imprese"-Crollo Firenze, Panzarella (FenealUil): "Tavolo permanente su sicurezza, modello Giubileo per limiti a subappalto a cascata"-Tributaristi: "Sì aggiornamento professionale come garanzia e tutela utenza"-Mestieri: non solo scarpe, a lezione di creatività e imprenditorialità dal maestro calzolaio di Acilia-Municipia-Yunex Traffic Italia, insieme per trasformazione digitale mobilità urbana-Crollo Firenze, ingegneri: "Subappalto a catena ostacolo all’attuazione del piano sicurezza"-Lavoro, Fly future 2024: "Compagnie aeree e aziende aerospaziali cercano migliaia di giovani"-Professioni: Consiglio Periti industriali ottiene certificato per parità di genere-Parchi divertimento: Ira (Leolandia): "L'esperienza è il valore centrale, più occupati con estensione stagione"-All'Università Lum arriva la Scuola di Alta formazione in turismo digitale-Syngenta Italia, nuovo video istituzionale sulla storia di innovazione al fianco degli agricoltori italiani-Lavoro, Gruppo Sae e Sardegna: al via recruiting sulla comunicazione digitale-Turismo, Bianchi Degl’Innocenti (FH55 Hotels): "Per donne imprenditrici sfida sia opportunità"-Digitale, Ambrosetti: "Settore richiede nuove tecnologie e materiali sostenibili"-De Lise (Aiecc): "Allarme costi materie prime, rischi per fatturati e bilanci delle imprese"-Milleproroghe: Cifa Italia, positivo emendamento proroga regime Iva Terzo settore

Se il cibo spazzatura riduce il quoziente di intelligenza dei piu’ piccoli

Condividi questo articolo:

Sta facendo discutere la ricerca dell’Universita’ di Bristol secondo la quale una dieta sbagliata per i più piccoli farebbe diminuire il quoziente intellettivo rispetto a coloro che si nutrono bene. Preferiamo cibi preparati in casa rispetto ai fast food…

La scoperta viene dall’Unversita’ di Bristol e dice chiaramente che se i bambini sino all’età di tre anni mangiano cibo spazzatura, “junk food”, (patatine fritte, pizze e dolci) all’eta’ di otto anni si troveranno con un quoziente intellettivo meno sviluppato rispetto a coloro che si nutrono in modo più sano, mangiando verdura, frutta e pasti generalmente preparati in casa. Il divario del quoziente intellettivo – secondo la ricerca che sta facendo scalpore – potrebbe essere anche di cinque punti. I responsabili della ricerca affermano che è fondamentale nei primi anni di vita una sana alimentazione, perchè proprio in quel periodo il cervello cresce più rapidamente. Una dieta più casalinga e tradizionale non farebbe sicuramente male!

Questo articolo è stato letto 34 volte.

Cibo spazzatura, mangiare sano, spazzatura cibo

Comments (4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net