ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Tar accoglie istanza cautelare Fondazione Enasarco: sospesi provvedimenti ministero Lavoro-Donnafugata, vendemmia promettente anche per ripresa mercato-Unioncamere-Anpal, 2 imprese su 5 contano di recuperare entro il 2020-Tar accoglie istanza cautelare Fondazione Enasarco: sospesi provvedimenti ministero Lavoro-Coronavirus: Mediobanca, crolla fatturato multinazionali del petrolio, bene web e Gdo (2)-Fase 3: Fever Pass, più sicuri con il controllo anticontagio autodeterminato-Palermo: Fava, 'interessi criminali nei cicli rifiuti intercettano fiumi denaro pubblico'-Brevetti: Fiano (Pd), 'Milano dinamica e innovativa, miglior sede per Tribunale europeo'-Sicilia: Autostrada Sr-Gela, Musumeci inaugura svincolo di Rosolini-Israele e Italia unite da Biesse Innovation Lab-Brevetti: Lupi, 'governo candidi Milano come sede Tribunale europeo, ha carte in regola'-Sicilia: sindacati, 'Musumeci rispetti norme nazionali sui dipendenti, basta annunci'-Vaccini, Azzari: "Esperienza Covid insegna l'importanza della programmazione"-Fase 3: Marco Lutzu, 'pmi devono affermarsi on line con più efficacia'-Innovazione: BertO, per Google caso di successo programma Italia in digitale-Coronavirus: Mediobanca, industria e servizi Ftse Mib bruciano 42 mld capitalizzazione(2)-Migranti: Candiani (Lega), 'tendopoli Vizzini resa governo incapace'-Sicilia: Ato idrico Agrigenti, Musumeci ai sindaci 'un commissario per rimettere ordine'-Referendum: Cangini, 'Bonaccini cerca leadership Pd su pelle istituzioni'-Coronavirus: Calderoli, 'dopo carte Cts su Val Seriana Conte deve dimettersi'

Da discarica a casa verticale

Condividi questo articolo:

A Nuova Delhi, un gruppo di architetti trasforma un luogo abbandonato in un’oasi urbana

La Harsh Vardhan Jain Architect, un’azienda con sede a Nuova Delhi, ha trasformato un lotto abbandonato nel sud-est della città in una bella casa verticale, rivestita di pannelli di vetro e sormontata da un tetto verde. Gli architetti hanno progettato la Garden Roof Parasol in modo da farla essere una specie di oasi cittadina per una coppia di sposi, piena di luce naturale e di vegetazione per creare un senso di serenità all’interno di un paesaggio urbano frenetico.

Gli architetti sono stati spinti a realizzare questo progetto proprio da una coppia di novelli sposi che stava cercando una casa in cui trasferirsi dopo il matrimonio. Il sito presentava una serie di sfide per le sue piccole dimensioni, che includevano una struttura di piani a una stanza, una tromba delle scale e un cortile. Per vincerle, gli architetti hanno deciso di utilizzare una combinazione di vetro, acciaio e piante. Secondo lo schema di progettazione, la strategia consisteva nel creare un tetto sovrastante, sulle strutture esistenti, per unificare lo spazio. Dando il via a un disegno verticale, gli architetti hanno potuto raddoppiare il volume della casa in altezza.

Il nuovo edificio è incorniciato da travi in acciaio prefabbricate che servono anche a creare una solida piattaforma per il tetto e le pareti in muratura preesistenti sono state rinforzate e riempite con vetri isolanti. Una rampa esterna conduce fino alla via d’ingresso e un piccolo ponte con una scala a chiocciola fornisce l’accesso al terrazzo.

Lo spazio abitativo interno, che è luminosissimo grazie alle facciate in vetro dal pavimento al soffitto, ha un arredamento minimale per ridurre l’ingombro.

Molti degli arredi sono flessibili e tutte le porte in vetro e acciaio si chiudono per separare le stanze o aprirsi per espandere lo spazio.
I due sposi saranno molto felici di questa riqualificazione.

Questo articolo è stato letto 8 volte.

città, discarica, nuova dehli, oasi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net