Flash News:
Post title marquee scroll
Coronavirus: divisione Insurance di Intesa Sp finanzia progetti ricerca di quattro atenei-Sanità: assessore Sicilia, 'rettore Palermo cerca scontro su Policlinico, molto grave'-Fase 2: Cottarelli, 'preoccupa Cdp come nuova Iri'-Cosmoprof Worldwide Bologna a supporto beauty con Wecosmoprof-Milano: sfregiò ex con acido, vittima, 'amareggiati, discriminati al contrario'-Da Lidl le mascherine Made in Italy-Milano: sfregiò ex con acido, condannata a 7 anni e 10 mesi-Fase 2: Sibilia, 'assistenti civici? Facciamo che è stata distrazione collettiva'-Como: droga e abusa di bambina, poi vende video sul web, pedofilo arrestato-Conti pubblici: Cottarelli, 'deficit e debito/Pil nel 2020 maggiori di previsioni Governo'-Conti pubblici: Cottarelli, 'deficit e debito/Pil nel 2020 maggiori di previsioni Governo' (2)-Fase 2: Cottarelli, 'rischio da sussidi e deficit, sparisce incentivo a efficienza'-**Giustizia: vertice di maggioranza a via Arenula domani, sul tavolo riforma Csm**-Un Master in Risorse Umane online per essere vincenti nel mondo del lavoro. Bianco Lavoro propone un percorso moderno ed innovativo-Fase 2: Castaldi, 'fuga avanti Boccia su assistenti civici, faccia passo indietro'-Incendio: rogo in terreno incolto a Palermo, paura per centro commerciale-Coronavirus: Alleanza lancia #Fattiavanti, campagna selezioni talenti su Linkedin-Fase 2: Buffagni, 'no assistenti civici, proposta non condivisa con M5S'-BPER Banca, in Veneto 4 borse di studio “Fondazione 150°”-Al via ‘Prospettiva Lavoro’ per minimizzare possibilità contagio in azienda

Le alghe che manipolano la luce

Condividi questo articolo:

Le diatomee potrebbero essere una risorsa per le tecnologie solari

Probabilmente l’abbiamo studiata a scuola questa tipologia di alghe, le diatomee, che prolificano nelle acque marine, ma quello che sicuramente non ci è stato insegnato è che questi organismi monocellulari – che sono poco costosi e possono essere trovati in diversi tipi di acqua e anche nelle cortecce degli alberi – sono in grado di manipolare la luce. Recentemente, gli scienziati hanno deciso di sfruttare questa caratteristica delle alghe per inserirle nelle celle solari organiche e migliorare la loro efficienza energetica.

La domanda, infatti, è: le diatomee potrebbero essere la chiave per una migliorata tecnologia solare?

Per questo, è nato lo studio condotto dal gruppo di ricerca di Yale, Princeton, Lincoln e del Glenn Research Center della NASA, per riuscire ad utilizzare queste alghe nelle celle solari organiche, un’alternativa a basso costo delle tradizionali celle solari.

Solitamente le cellule solari organiche soffrono di un problema di progettazione: avendo bisogno di strati sottili peccano spesso di un’efficienza limitata. Le nanostrutture che catturano e diffondono la luce possono aiutare a superare questo problema, ma in genere sono troppo costose per la produzione su larga scala. Le diatomee, invece, sono economiche e abbondanti sulla terra, per questo sono così interessanti. Gli scienziati le hanno messe proprio nel livello attivo delle cellule solari e hanno visto gli stessi livelli di uscita elettrica anche quando tagliano la quantità di materiale necessario per il livello attivo.

Si pensa che si potranno ottenere risultati ancora migliori utilizzando specie diverse e adattandole alle dimensioni corrette.

Questo articolo è stato letto 14 volte.

alghe, diatomee, Diatomme, energia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net