ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Coronavirus: un solo contagio in province Como, Cremona, Lodi e Sondrio-Zambrano (Ingegneri): "Per manutenzione infrastrutture assumere 85mila tecnici"-Coronavirus: aumentano guariti in Lombardia, 11 in terapia intensiva-Fase 3: Deloitte, nei prossimi 3 mesi 22% italiani potrebbe prendere volo domestico-Milano: De Corato, 'tra Sala e Grillo chi è il più comico?'-Milano: uccide una persona in Francia, arrestato vicino alla stazione Centrale-XMIA Dj morta: spunta telefonata a numero emergenza 'incidente, a bordo donna e bimbo'-**Dj morta: nuovo sopralluogo degli inquirenti nel luogo del ritrovamento di Viviana**-Itinerari Previdenziali, senza blocco e cig fino a 900.000 licenziamenti-Dazi: Cia, bene decisione Trump, continuare sforzo diplomatico (2)-Petrolio: Gros (Ceps), 'livello attuale favorevole all'Europa'-Petrolio: Gros (Ceps), 'livello attuale favorevole all'Europa' (2)-Fase 3: associazioni antiusura e consumatori, riformare legge su sovraindebitamento-Fase 3: associazioni antiusura e consumatori, riformare legge su sovraindebitamento (2)-Dj morta: Procuratore Patti, 'turisti testimoni ci dicano quello che hanno visto'-Avviso di garanzia a Conte e ministri, il premier: "Agito in trasparenza"-Dj morta: Procuratore Patti cerca famiglia turisti testimoni incidente 'Si facciano vivi'-Dj morta: legale famiglia, 'indagini su video con Viviana all'uscita Sant'Agata'-Titoli Stati: collocati in asta Btp a 3, 7 e 30 anni per 6,75 mld-Aspi: Rixi, 'operazione portata avanti da Governo confusa, situazione surreale'

Il grafene è un’arma micidiale contro i batteri

Condividi questo articolo:

Una ricerca italiana presentata negli USA fa luce sull’uso del grafene come antibatterico

Il disinfettante del futuro si chiama grafene. È il materiale più sottile del mondo e deriva dalla comune grafite (il materiale delle matite). 

Può diventare un potente disinfettante perché uccide i batteri in ben 3 modi diversi:

  • taglia le pareti dei batteri come una lama
  • intrappola e soffoca i batteri
  • altera il metabolismo dei batteri impedendone la moltiplicazione

È il frutto di una ricerca italiana, condotta dall’Università Cattolica di Roma e dall’Istituto sistemi complessi del Consiglio nazionale delle ricerche (Isc-Cnr) che ha scoperto come l’ossido di grafene possa annientare i batteri e i funghi più diffusi negli ospedali.

‘La dimostrazione è avvenuta per ora in laboratorio in esperimenti in provetta, ma si sta valutando la possibilità di eseguire delle sperimentazioni in ambito clinico’, spiega all’Ansa Massimiliano Papi, dell’Istituto di Fisica dell’Università Cattolica, tra gli autori della ricerca.

Lo studio è stato presentato da Valentina Palmieri in occasione del 60° convegno annuale della Società Biophysical Society a Los Angeles.

‘Il grafene – prosegue Papi – potrebbe divenire un ‘disinfettante’ ospedaliero, siamo vicini a questo traguardo. Col duplice vantaggio ulteriore che il grafene è una molecola rispettosa dell’ambiente e ha dei costi contenuti. Infine, oltre che come disinfettante, il grafene potrebbe essere usato per rivestire strumenti medici e chirurgici e in questo modo potrebbe contribuire a ridurre le infezioni, soprattutto dopo un intervento chirurgico, oltre che l’uso di antibiotici e la resistenza agli antibiotici’.

Il grafene è utile anche per assorbire inquinanti organici, in particolare idrocarburi, dalle acque, dai terreni e dall’aria.

 

 

Questo articolo è stato letto 4 volte.

antibatterico, cnr, Consiglio italiano delle ricerche, grafene, Università cattolica Roma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net