Se la forma del nostro corpo ci istruisse sul nostro cuore?

Le donne in postmenopausa possono capire i loro eventuali problemi di cuore guardando i posti dove si accumula il peso sul loro corpo

corpo anziani

Il rischio di malattie cardiache per le donne anziane è una condizione con la quale si deve fare i conti. Per questo, è molto interessante la teoria di un recente studio), pubblicato sulla rivista European Heart Journal, che sostiene che si può capire la percentuale con cui il cuore di una donna in postmenopausa può darle problemi guardando la forma del suo corpo: se assomiglia più a una mela che a una pera, le sue probabilità di problemi cardiaci aumentano, anche se ha un peso normale.
Insomma, tutto gira intorno a come l'adipe di distribuisce.

Per fare questa ricerca, gli scienziati hanno raccolto dati su quasi 162.000 donne in post menopausa che hanno preso parte a uno studio di Women's Health Initiative tra il 1993 e il 1998. Le donne sono poi state seguite fino a febbraio 2017. In questo modo, i ricercatori hanno scoperto che la forma a mela (ovvero quando il grasso è immagazzinato per lo più intorno al centro del corpo) comporta quasi il doppio del rischio di malattie cardiache o ictus, rispetto alle forma a pera (ovvero con il peso immagazzinato più in basso, verso le gambe).

Insomma, oltre a quanto si pesa, bisogna anche valutare dove quel peso è distribuito.

I ricercatori hanno calcolato che se 1.000 donne dello studio riducessero il loro grasso sulla pancia da più del 37% a meno del 27%, ma mantenessero identico il loro grasso sulle gambe, ci sarebbero sei casi di malattie cardiovascolari in meno ogni anno. E se 1.000 donne dello studio mantenessero lo stesso grasso sulla pancia e aumentassero il grasso corporeo da meno del 42% a oltre il 49%, tre casi di malattie cardiovascolari sarebbero evitati ogni anno.

Insomma, anche se lo studio si occupa solo delle donne in postmenopausa e quindi la percentuale di persone a cui i risultati possono essere applicati è bassa, si tratta di un punto di vista molto interessante, da non lasciare inascoltato.

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER