La sensibilità dei batteri agli antibiotici

A Delhi, una nuova piattaforma per svolgere test sui batteri, individuarli e studiarne la suscettibilità ai farmaci

Un team di due membri dell'Indian Institute of Technology (IIT) di Delhi ha iniziato ad usare un nuovo metodo per la coltura dei batteri, che ne determina la crescita a concentrazioni molto più basse in un tempo relativamente meno lungo: quattro/sei ore – i metodi clinici attualmente disponibili richiedono più di 10 ore per la coltura e l'osservazione della crescita di batteri patogeni e necessitano di una maggiore concentrazione batterica per la conferma in laboratorio.

Anche se il nuovo metodo non sarà utile per identificare le specie di batteri isolati da un campione, aiuterà a individuare precocemente la presenza di batteri e ad eseguire test di suscettibilità ai farmaci entro un breve periodo di tempo. In questo modo sono stati studiati i batteri E.Coli e S.Aureus .
Il team, guidato da Neetu Singh e da Anil Chandra, entrambi dottori del Center for Biomedical Engineering dell'IIT Delhi, ha condotto uno studio che è stato pubblicato sulla rivista «Chemical Communications» e che riporta lo sviluppo di questa piattaforma per il rilevamento della crescita batterica che si basa sull'osservazione dei mutamenti del pH attraverso un cambiamento di fluorescenza.

Per quanto riguarda l'E.Coli, la piattaforma può distinguere tra ceppi resistenti e non resistenti, utilizzando un preparato che supporta la crescita batterica e la formazione di colonie e che permette di studiare la risposta del pH che cambia in base alla crescita batterica in un tempo minore rispetto ai metodi tradizionali.

La piattaforma aiuterà a studiare la resistenza ai diversi farmaci, a una combinazione di farmaci e a alle diverse concentrazioni di farmaci. Presto, il team collaborerà per sviluppare un dispositivo portatile con funzionalità multiple e la capacità di testare i campioni clinici.

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER