Sapore aspro e il nostro equilibrio, come sono collegati?

La proteina responsabile del riconoscimento del sapore aspro è la stessa che noi abbiamo all'interno dell'orecchio per regolare l'equilibrio

I biologi sanno benissimo quali sono le proteine che rivelano le molecole coinvolte nella nostra reazione al gusto dolce e a quell'amaro, mentre invece quelle che riguardano l'acidità – almeno fino ad ora – rimangono un mistero. Per questo è molto interessante uno studio, che racconta di come un gruppo di ricercatori abbia trovato una proteina nelle cellule del gusto del topo che è probabilmente la chiave che ci aiuterà a scovare le dinamiche attraverso le quali si rivelano i sapori aspri.

La cosa molto bizzarra è che questa proteina non è nuova, i biologi la conoscono da anni: precedentemente è stata identificata nell'orecchio interno, o sistema vestibolare, di topi, umani e molte altre creature, dove è richiesta per sviluppare un senso di equilibrio.

Una scoperta molto affascinante perché ci aiuta a capire una volta di più – qualora fosse ancora necessario – la complessità delle proteine e quanto esse possano avere una seconda vita – con un diverso scopo, in tutt'altro posto – di cui non sapevamo assolutamente niente.

Emily Liman della University of Southern California, che ha diretto lo studio, e i suoi colleghi erano alla ricerca di un recettore acido e avevano fatto un elenco di tutti i geni espressi nelle cellule del gusto acido, identificando quelli che avrebbero potuto rendere le cellule sensibili agli acidi. Ne hanno testati circa 40 prima di arrivare a quello che poi hanno chiamato Otop1, sul quale puntavano poco visto il suo coinvolgimento nella formazione del sistema vestibolare. E invece ha funzionato.

Non è ancora chiaro perché Otop1 sia utile sia nell'orecchio che nella lingua, ma è molto interessante vedere come l'evoluzione abbia permesso a una sola proteina di svolgere due lavori così diversi ma entrambi così importanti.

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER