Tatuaggi: ritirati preparati giallo-arancio

Condividi questo articolo:

Rinvenute ammine aromatiche in pigmenti provenienti dagli Stati Uniti

Sono state trovate ammine aromatiche nelle boccette di pigmento giallo – arancio provenienti dal Michigan (USA), destinati ai tatuatori, e distribuiti da un’azienda di Napoli. A denunciarlo l’Agenzia Provinciale per l’Ambiente del Piemonte, che ha svolto il monitoraggio, rivenendo in particolare una concentrazione significativa di diamminotoluene, una sostanza chimica utilizzata anche per la produzione di fungicidi.

Le ammine aromatiche, presenti in tatuaggi e trucchi permanenti, ma utilizzati anche nel settore farmaceutico, sono composti organici molto pericolosi per la salute dell’uomo. Indicati con il codice H350 possono provocare l’insorgenza di tumori e, per questo, sono stati messi al bando dal regolamento CE n. 1272/2008 del CLP (classificazione, l’etichettatura e l’imballaggio) basato sul sistema di classificazione ed etichettatura delle sostanze chimiche (GHS) delle Nazioni Unite e, in Italia, dalla Circolare del Ministero della Salute del 13 maggio 2009.

Gli effetti sulla salute, dati dall’esposizione alle ammine aromatiche, sono legati principalemente allo sviluppo di tumori della vescica ma anche tumori renali, cutanei, epatici e del sangue.

Il lotto di pigmento giallo-arancio è stato ritirato e posto sotto sequestro dal Ministero della Salute.

Questo articolo è stato letto 1 volte.

ammine, ammine aromatiche, sequestro, tatuaggi, Tatuaggio, tumori, usa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net