Possiamo davvero difenderci con un tovagliolo?

Condividi questo articolo:

Ideato un tovagliolo che ci dice se qualcuno ha drogato il nostro cocktail, cambiando colore

Si chiama Danya Sherman l’ideatrice di questo sistema per difendersi da una pratica che è diventata troppo comune per non destare paura. Ha raccontato che quello che l’ha spinta a creare questo sistema è stato proprio il fatto che è successo anche lei quello che purtroppo è capitato a moltissime altre ragazze: mentre studiava all’estero, in Spagna, nel 2016, un suo amico, un altro studente internazionale, ha drogato la sua bevanda e poi ha sfruttato quella situazione.

Secondo quanto dicono le statistiche, anche se la Sherman non ha raccontato in che modo questa situazione è stata «sfruttata», quello che succede nella maggioranza dei casi è che, a seguito del drogaggio della bevanda, c’è una violenza sessuale e un completo black out.
Dopo questa esperienza, Danya Sherman ha deciso di reagire e fondato un’azienda che si chiama Kno-Nap (da «know-napkin») e che si occupa di un un tovagliolo che cambia colore per indicare se una bevanda è stata drogata. Danya è fondatrice e CEO della compagnia, che è cresciuta fino ad avere uno staff di circa sette persone nell’ultimo anno e mezzo.

Kno-Nap è incredibilmente facile da usare. Il suo materiale è sensibile al rohypnol e alle altre sostanze che vengono definite droghe dello stupro, tutto quello che bisogna fare è bagnarlo con una piccola goccia del proprio drink. In due minuti, se sono presenti droghe, il tovagliolo cambierà colore, come avviene nel caso di un test di gravidanza. E, a quel punto, saremo in grado di decidere se la nostra bevanda è sicura da bere.

Kno-Nap non è ancora in vendita, ma quando lo sarà, avrà lo stesso costo di un normale tovagliolo, quello che la Sherman vuole non è che i singoli clienti si preoccupino di portarsi dietro i loro Kno-Nap, ma che bar, ristoranti e università li usino come uno standard del settore.
La società lancerà una raccolta fondi su Kickstarter durante l’estate e spera di mettersi sul mercato il prossimo anno.

Questo articolo è stato letto 4 volte.

droghe, stupro, tovagliolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net