Come ci cambiano i cellulari

Condividi questo articolo:

Secondo gli scienziati l’eccessivo uso del cellulare sta modificando le ossa del cranio

Gli scienziati hanno recentemente scoperto che qualcosa – molto probabilmente l’uso eccessivo del cellulare – sta facendo sì che le persone sviluppino “punte ossee” lungo la parte posteriore del loro cranio.

Secondo un team di ricerca australiano, l’eccessiva quantità di tempo che le persone trascorrono guardando i loro telefoni potrebbe portare allo sviluppo di speroni ossei alla base del cranio, oltre a tutti gli altri problemi di salute associati a queste abitudini.

Tra le persone di età compresa tra 18 e 30 anni, queste crescite ossee stanno diventando comuni: per questo, gli scienziati dell’Università della Sunshine Coast hanno indagato su ciò che chiamano “protuberanze occipitali esterne allargate” o speroni ossei situati alla base del cranio.

Il team ha analizzato i teschi di 1.000 persone, dai 18 agli 86 anni.

Secondo quanto riferito dal ricercatore capo, il dott. David Shahar, alla BBC: “Solo nell’ultimo decennio sempre più pazienti hanno questa malformazione”. Dalle indagini condotte, ha concluso infatti che le “corna” sono state causate da un lungo tempo speso in attività basate sullo schermo e la corrispondente cattiva postura.

A causa del tempo trascorso a guardare i nostri telefoni, il corpo è costretto ad adattarsi: alcuni muscoli che non usavamo vengono sollecitati e altri non trovano invece gli antagonisti.

Secondo il Dr. Shahar, è improbabile che i grumi ossei causino problemi di salute a lungo termine.

 

Questo articolo è stato letto 1 volte.

abuso cellulare, cattiva postura, cellulare, corna, cranio, malformazioni ossee, postura scorretta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net