Il peperoncino allunga la vita

Le persone che mangiano peperoncino vivono più a lungo. Ad affermarlo, la scienza.

Tutti dovrebbero aggiungere un pizzico di peperoncino ai loro piatti. Questa spezia trasforma un pasto ordinario in qualcosa di estremamente appetitoso e partecipa alla nostra longevità.

Il peperoncino, il cui uso si è diffuso nel 16esimo secolo, viene impiegato da sempre sia in cucina che nella medicina tradizionale. Proprio per questo, i ricercatori di tutto il mondo hanno condotto diverse ricerche per analizzarne i composti chimici, le proprietà benefiche, la presenza di principi antiossidanti e di principi antimicrobici.

Nel 2015 gli scienziati cinesi hanno dichiarato che mangiare un grande numero di peperoncini piccanti diminuiva la probabilità di morte prematura. La ricerca, ripresa in mano recentemente dall'Università del Vermont (UVM), ha portato ulteriori scoperte.

Gli studiosi hanno preso in esame i dati di un sondaggio nazionale condotto su oltre 16.000 americani: a disposizione dei ricercatori, misure relative allo stato di salute e allo stile di vita raccolte per 23 anni.

I grandi consumatori di peperoncino erano spesso giovani di sesso maschile, bianchi o messicani, perlopiù sposati. Provenivano da famiglie a basso reddito e non erano ben istruiti. In ogni caso, erano quelli con i livelli più bassi di colesterolo HDL.

I ricercatori dell'UVM hanno fatto la stessa scoperta del team di ricerca cinese di cinque anni prima: le persone che mangiavano peperoncino vivevano più a lungo. Inoltre, maggiore era il numero di spezie, migliore era la loro salute e la loro aspettativa di vita.

Non è ancora chiaro il perchè di questo effetto. L'ipotesi più plausibile è che l'effetto sia dovuto alla presenta di capsaicina, nota per uccidere i microrganismi nocivi e per controllare i grassi nel sangue.