Flash News:
Post title marquee scroll
Cosmoprof Worldwide Bologna a supporto beauty con Wecosmoprof-Milano: sfregiò ex con acido, vittima, 'amareggiati, discriminati al contrario'-Da Lidl le mascherine Made in Italy-Milano: sfregiò ex con acido, condannata a 7 anni e 10 mesi-Fase 2: Sibilia, 'assistenti civici? Facciamo che è stata distrazione collettiva'-Como: droga e abusa di bambina, poi vende video sul web, pedofilo arrestato-Conti pubblici: Cottarelli, 'deficit e debito/Pil nel 2020 maggiori di previsioni Governo'-Conti pubblici: Cottarelli, 'deficit e debito/Pil nel 2020 maggiori di previsioni Governo' (2)-Fase 2: Cottarelli, 'rischio da sussidi e deficit, sparisce incentivo a efficienza'-**Giustizia: vertice di maggioranza a via Arenula domani, sul tavolo riforma Csm**-Un Master in Risorse Umane online per essere vincenti nel mondo del lavoro. Bianco Lavoro propone un percorso moderno ed innovativo-Fase 2: Castaldi, 'fuga avanti Boccia su assistenti civici, faccia passo indietro'-Incendio: rogo in terreno incolto a Palermo, paura per centro commerciale-Coronavirus: Alleanza lancia #Fattiavanti, campagna selezioni talenti su Linkedin-Fase 2: Buffagni, 'no assistenti civici, proposta non condivisa con M5S'-BPER Banca, in Veneto 4 borse di studio “Fondazione 150°”-Al via ‘Prospettiva Lavoro’ per minimizzare possibilità contagio in azienda-Fase 2, Maggino: "Costruire la ripartenza in condizioni di massima sicurezza"-Fase 2: Scala dei Turchi presa d'assalto nonostante sigilli, 9 denunciati-Pubblicità: a marzo in Italia raccolta -29%, nel primo trimestre -9,2% (2)

Le vecchie batterie degli smartphone potrebbero illuminare le zone rurali

Condividi questo articolo:

Con un colpo solo, si potrebbero sia tenere i rifiuti elettronici fuori dalle discariche che riciclarli per risolvere un problema energetico 

Uno studio della Kyung Hee University di Seoul ha rivelato che la maggior parte dei consumatori mantiene uno smartphone per circa tre anni prima di acquistarne uno nuovo, anche se le componenti dello smartphone, in particolar modo le batterie, hanno ancora anni di vita davanti a loro. È quindi assolutamente naturale pensare di prendere queste batterie e riciclarle: invece di riempire le discariche con rifiuti elettronici che hanno ancora qualcosa da dire, la proposta è quella di utilizzarli per le zone in cui l’elettricità è scarsa, nelle comunità rurali in cui l’illuminazione è gestita dalle lampade a cherosene.

Il progetto di riciclaggio vedrebbe le batterie agli ioni di litio utilizzate come mezzo di immagazzinamento dell’energia per sistemi a LED di illuminazione ad energia solare: una batteria standard completamente carica può alimentare una lampada a LED da 1 Watt per tre ore e una da 0,5 Watt – che è una luce sufficiente per la lettura, per esempio – per sei ore. Un piccolo pannello solare potrebbe caricare la batteria durante il giorno, in modo da fornire una fonte di luce notturna senza dover usare il cherosene.

Anche le batterie a piombo che si trovano nelle auto sono state utilizzate come soluzioni di immagazzinamento dell’energia, ma la loro durata di vita è molto più breve rispetto a quelle agli ioni di litio. 

I ricercatori hanno costruito un sistema a 12 Volt che utilizza tre batterie del telefono: esse sono collegate ad un piccolo pannello solare e alimentano una lampada a LED da 5 watt che può illuminare un intero ambiente per cinque ore al giorno. L’intero sistema è stato fatto per solo 25 Dollari (circa 22 Euro) e ci si aspetta una durata di tre anni senza alcuna manutenzione. 

Il team è già in preparazione con i progetti pilota per il Senegal e per i Paesi dell’Africa Sub-sahariana: entro il prossimo anno, si parte.

 

Questo articolo è stato letto 1 volte.

batterie, riciclo, Smartphone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net