ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Palermo: Fiadel-Cisal, 'serve pulizia profonda in azienda Rap'-**Coronavirus: 27 nuovi contagi in Sicilia, di cui 14 migranti**-Sicilia: Musumeci a Caltanissetta, 'il Cefpas va valorizzato'-Sicilia: Musumeci a Caltanissetta, 'il Cefpas va valorizzato' (2)-Tar accoglie istanza cautelare Fondazione Enasarco: sospesi provvedimenti ministero Lavoro-Donnafugata, vendemmia promettente anche per ripresa mercato-Unioncamere-Anpal, 2 imprese su 5 contano di recuperare entro il 2020-Tar accoglie istanza cautelare Fondazione Enasarco: sospesi provvedimenti ministero Lavoro-Coronavirus: Mediobanca, crolla fatturato multinazionali del petrolio, bene web e Gdo (2)-Fase 3: Fever Pass, più sicuri con il controllo anticontagio autodeterminato-Palermo: Fava, 'interessi criminali nei cicli rifiuti intercettano fiumi denaro pubblico'-Brevetti: Fiano (Pd), 'Milano dinamica e innovativa, miglior sede per Tribunale europeo'-Sicilia: Autostrada Sr-Gela, Musumeci inaugura svincolo di Rosolini-Israele e Italia unite da Biesse Innovation Lab-Brevetti: Lupi, 'governo candidi Milano come sede Tribunale europeo, ha carte in regola'-Sicilia: sindacati, 'Musumeci rispetti norme nazionali sui dipendenti, basta annunci'-Vaccini, Azzari: "Esperienza Covid insegna l'importanza della programmazione"-Fase 3: Marco Lutzu, 'pmi devono affermarsi on line con più efficacia'-Innovazione: BertO, per Google caso di successo programma Italia in digitale-Coronavirus: Mediobanca, industria e servizi Ftse Mib bruciano 42 mld capitalizzazione(2)

Il recupero dei LEGO

Condividi questo articolo:

La LEGO sta pulendo e riconfezionando i vecchi mattoncini per darli in beneficenza ai bambini

Niente obsolescenza programmata per quanto riguarda i pezzi di costruzione della LEGO: i mattoncini di plastica più famosi del mondo, infatti, sono estremamente resistenti, hanno un sistema di connessione che non è mai cambiato del corso del tempo e in più, nonostante siano in plastica, riescono comunque ad avere dei record di sostenibilità.

L’azienda danese, infatti, si è sempre distinta per le sue mosse green: a partire dagli investimenti nell’eolico offshore, passando per le relazioni interrotte con le compagnie petrolifere, fino ad arrivare al piano di sostituzione della plastica dei mattoncini con materiali sostenibili – un obiettivo che vuole essere portato a termine entro il 2030.

Recentemente, la Società ha anche lanciato un programma pilota negli Stati Uniti che si chiama LEGO Replay e che fonde la sostenibilità con la filantropia: in pratica, le famiglie possono prendere i loro vecchi LEGO, stampare un’etichetta di spedizione gratuita dal partner LEGO Give Back Box e inviarli. A quel punto, i mattoncini verranno ispezionati, ordinati e puliti, per poi spedirli a Teach For America e Boys and Girls Club di Boston.
Lo sviluppo del programma ha richiesto tre anni, tempo che il team ci ha messo per assicurarsi che fossero soddisfatti i più alti standard di qualità e sicurezza e che tutto fosse allineato alle normative statunitensi.

I giocattoli inviati a Teach For America andranno nelle aule di tutto il paese, mentre quelli inviati ai Boys & Girls Club di Boston sono diretti ai loro programmi di doposcuola. Il progetto pilota si concluderà nella primavera del 2020, a quel punto il gruppo LEGO valuterà una sua possibile espansione.
La speranza è che arrivi presto anche da noi, in modo da poter dare ad altri bambini i mattoncini con cui, quando eravamo piccoli, abbiamo cercato di costruire i nostri sogni. In questo modo la longevità della plastica diventerà un vero vantaggio.

Questo articolo è stato letto 20 volte.

filantropia, giocattoli, impresa e sostenibilità, lego, plastica, qualità, Recupero, riciclo, riuso, sicurezza, sostenibilità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net