ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Mo, accordo di pace tra Israele ed Emirati-Milano: Richetti, 'Sala da Grillo? elettori chiedono responsabilità e buon governo'-**Dj morta: nuovo sopralluogo su traliccio alla presenza del Procuratore**-Ponte Morandi, Panzarella (Feneal Uil): "Simbolo di una situazione del Paese"-**Dj morta: Procuratore Patti, 'omicidio o suicidio? Tante le ipotesi in piedi'**-Dj morta: Procuratore Patti, 'stiamo analizzando le immagini di videosorveglianza'-Coronavirus: un solo contagio in province Como, Cremona, Lodi e Sondrio-Zambrano (Ingegneri): "Per manutenzione infrastrutture assumere 85mila tecnici"-Coronavirus: aumentano guariti in Lombardia, 11 in terapia intensiva-Fase 3: Deloitte, nei prossimi 3 mesi 22% italiani potrebbe prendere volo domestico-Milano: De Corato, 'tra Sala e Grillo chi è il più comico?'-Milano: uccide una persona in Francia, arrestato vicino alla stazione Centrale-XMIA Dj morta: spunta telefonata a numero emergenza 'incidente, a bordo donna e bimbo'-**Dj morta: nuovo sopralluogo degli inquirenti nel luogo del ritrovamento di Viviana**-Itinerari Previdenziali, senza blocco e cig fino a 900.000 licenziamenti-Dazi: Cia, bene decisione Trump, continuare sforzo diplomatico (2)-Petrolio: Gros (Ceps), 'livello attuale favorevole all'Europa'-Petrolio: Gros (Ceps), 'livello attuale favorevole all'Europa' (2)-Fase 3: associazioni antiusura e consumatori, riformare legge su sovraindebitamento-Fase 3: associazioni antiusura e consumatori, riformare legge su sovraindebitamento (2)

Via 200.000 topi dalla Nuova Zelanda

Condividi questo articolo:

L’arcipelago dell’Oceania ha sterminato un’orda di topi da un singola isola: alcune specie invasive possono essere davvero pericolose per l’ambiente

Si tratta di un vero e proprio sterminio quello operato dalla Nuova Zelanda su una delle Isole Antipodi: sono stati eliminati 200.000 topi – una cosa mai vista – ma il fatto è che le specie invasive possono davvero devastare l’ambiente e, per quanto possa sembrare terribile l’idea di un’uccisione di massa di qualsiasi animale, a volte è l’unico modo per salvare un intero ecosistema in difficoltà.

In Nuova Zelanda, predatori invasivi come ratti, topi e opossum, nel corso del tempo, hanno invaso le isole e hanno distrutto specie di uccelli locali, invertebrati e piante: in questo caso, sulle Isole Antipodi, frotte di topi hanno travolto i pulcini e le uova, minacciando di eliminare intere specie di invertebrati – una cosa che ha un enorme impatto sull’ecosistema – e riuscendone a cancellare già alcune – due tipi di insetti sono spariti dall’isola.

La speranza è che, grazie a questa decisione, le specie autoctone abbiano la possibilità di prosperare – la Nuova Zelanda ospita più specie di uccelli marini di qualsiasi altro posto della Terra e ben 21 specie usano le Isole Antipodi come casa. Ad ogni modo, questo metodo così definitivo e la maniera in cui è stato eseguito potrebbero diventare una sorta di esempio per altri paesi che si dovessero trovare ad affrontare le proprie invasioni – per esempio, per l’Isola Gough dove gli uccelli marini stanno subendo una vera e propria guerra e potrebbero essere portati all’estinzione a causa dei topi.

Negli ultimi 5 anni, la Nuova Zelanda ha utilizzato un programma di esche mediante distribuzione aerea di precisione per diffondere veleno per topi ogni 4 o 9 metri su ogni parte dell’isola, grazie al GPS. A quanto pare, l’ecosistema si sta già riprendendo.

Questo articolo è stato letto 15 volte.

allarme, nuova zelanda, specie, sterminio, topi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net