ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Tar accoglie istanza cautelare Fondazione Enasarco: sospesi provvedimenti ministero Lavoro-Donnafugata, vendemmia promettente anche per ripresa mercato-Unioncamere-Anpal, 2 imprese su 5 contano di recuperare entro il 2020-Tar accoglie istanza cautelare Fondazione Enasarco: sospesi provvedimenti ministero Lavoro-Coronavirus: Mediobanca, crolla fatturato multinazionali del petrolio, bene web e Gdo (2)-Fase 3: Fever Pass, più sicuri con il controllo anticontagio autodeterminato-Palermo: Fava, 'interessi criminali nei cicli rifiuti intercettano fiumi denaro pubblico'-Brevetti: Fiano (Pd), 'Milano dinamica e innovativa, miglior sede per Tribunale europeo'-Sicilia: Autostrada Sr-Gela, Musumeci inaugura svincolo di Rosolini-Israele e Italia unite da Biesse Innovation Lab-Brevetti: Lupi, 'governo candidi Milano come sede Tribunale europeo, ha carte in regola'-Sicilia: sindacati, 'Musumeci rispetti norme nazionali sui dipendenti, basta annunci'-Vaccini, Azzari: "Esperienza Covid insegna l'importanza della programmazione"-Fase 3: Marco Lutzu, 'pmi devono affermarsi on line con più efficacia'-Innovazione: BertO, per Google caso di successo programma Italia in digitale-Coronavirus: Mediobanca, industria e servizi Ftse Mib bruciano 42 mld capitalizzazione(2)-Migranti: Candiani (Lega), 'tendopoli Vizzini resa governo incapace'-Sicilia: Ato idrico Agrigenti, Musumeci ai sindaci 'un commissario per rimettere ordine'-Referendum: Cangini, 'Bonaccini cerca leadership Pd su pelle istituzioni'-Coronavirus: Calderoli, 'dopo carte Cts su Val Seriana Conte deve dimettersi'

Un accordo storico per l’energia eolica off-shore

Condividi questo articolo:

Germania, Danimarca e Belgio aumenteranno di 5 volte la propria produzione di energia eolica nella prossima decade

Arriva davvero una bella notizia per l’energia generata dal vento: Germania, Danimarca e Belgio hanno annunciato la sigla di un accordo storico per l’energia eolica, ovvero l’impegno di aumentare la loro capacità di energia eolica off-shore di cinque volte entro il prossimo decennio. Questo significa che, entro il 2027, i paesi arriveranno a produrre più di 60 Gigawatt, visto che ora si attestano intorno ai 13,8 Gigawatt provenienti dai loro impianti off-shore. 

Inoltre, visto che i prezzi dell’energia eolica offshore continuano a scendere (solo nel 2016 c’è stata una diminuzione del 22%), questo annuncio è stato salutato come una vittoria sia sul piano economico che ambientale.

Per mantenere l’impegno e centrare l’obiettivo, i governi di tutti e tre i paesi si sono impegnati a lavorare con più di 25 aziende private – come la Dong Energy, per esempio.

La Germania, dal canto suo, ha già ampiamente dimostrato la vitalità dell’energia eolica: nel mese di aprile, durante le aste in cui vengono assegnati i contratti che vedranno svilupparsi l’eolica offshore senza sovvenzioni governative, le offerte sono scese al di sotto del costo dell’energia convenzionale per la prima volta.

L’accordo, firmato a metà giugno a Londra, si basa su una partnership che si è creata l’anno scorso tra 10 paesi del nord Europa per collaborare a tagliare il costo di installazione delle turbine eoliche offshore. Ai sette paesi assenti dalla firma sarà chiesto di sostenere una nuova dichiarazione più avanti – alcuni ritardi sono causati dal fatto che diverse nazioni hanno bisogno di aspettare fino a dopo le elezioni per firmare (come ad esempio il Regno Unito).
Intanto, questa dichiarazione è davvero importante, per l’Europa, per il mare e per l’energia eolica: questa fonte può permetterci di essere competitivi e affidabili.

Questo articolo è stato letto 4 volte.

energia eolica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net