Paolo Villaggio fu anche testimonial della campagna contro il commercio di avorio. Il ricordo del WWF

Il WWF ricorda l'impegno per la natura del grande attore recentemente scomparso

Anche il WWF si unisce al ricordo di Paolo Villaggio, uno dei grandi personaggi del nostro cinema e della nosta cultura. E lo fa ricordando il suo impegno in una campagna contro il commercio di avorio. Era il 1990 e Villaggio, insieme a Renato Pozzetto, compariva come testimonial della campagna 'Io sto con la natura' in Africa, in divisa da ranger tra elefanti e zebre.

"Difficilmente lo dimenticheremo sia come attore sia come uomo", spiega l'associazione. "Non comprate avorio, ricordate: dentro e dietro ogni stupidaggine d'avorio c'è un elefante ucciso barbaramente a colpi di fucile mitragliatore", era l'appello di Villaggio e Pozzetto, che presero parte anche ad uno speciale televisivo dedicato al WWF. I due attori andarono in Africa col WWF in visita ad un "orfanotrofio" dove piccoli elefanti e rinoceronti a cui i bracconieri avevano ucciso i genitori venivano accuditi con l'obiettivo di essere reintrodotti in natura.

“Conservare la natura - disse allora Paolo Villaggio - non è un'azione fine a sé stessa, ma vuol dire anche conservare una parte di noi, della nostra storia, della nostra vita”.

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER