ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Governo: Conte, 'non mi sento in bilico né inamovibile'-Ismea, con emergenza Covid-19 boom aziende agricole con vendita diretta-**Voto Venezia: Brugnaro, 'grande affinità con Zaia, anche qui vince concretezza'**-CON NIKON E TRAIPLER.COM L’UNICO TALENT SHOW PER VIDEOMAKER GIUNGE ALLA SUA TERZA EDIZIONE-Con Nikon e Traipler.com l'unico talent show per videomaker giunge alla sua terza edizione-Covid, nessun allarme in centri accoglienza migranti-**Voto Venezia: Baretta, 'non c'è amarezza, ora mi dividerò tra città e Roma'**-Gruppo Cap avvia un progetto di partecipazione e coinvolgimento dei cittadini-Voto Venezia: Baretta, 'faremo opposizione rigorosa, apporto Zaia determinante'-Immobili: Palenzona (Prelios), 'settore è strategico, serve contesto favorevole'-Roma, riparte da Anagnina e Cipro l'iniziativa '+Ricicli +Viaggi' di Atac-Voto Toscana: Parrini, 'grande risultato Pd e recupero centrosinistra'-Voto Toscana: Parrini, 'grande risultato Pd e recupero centrosinistra' (2)-Festival Nazionale dell’Economia Civile, al via il 25 settembre-Referendum: Istituto Cattaneo, meno parlamentari ma raddoppio di seggi per Fdi (2)-**Voto Veneto: politologo Feltrin, 'Zaia leader nazionale se coltiva consenso fuori regione'** (2)-M5S: Taverna accelera, 'voce a territori, attivisti scelgano delegati Stati generali'-Servizi: Conte al Copasir, apertura su 'ritocchi' norma rinnovo vertici (2)-Pd, Orfini: "Basta andare a rimorchio"-Welfare, Dallaglio (Cerved): 'Quello aziendale esce irrobustito da esperienza Covid'

Metà delle emissioni globali provengono da 90 aziende in tutto

Condividi questo articolo:

I giganti del fossile rappresentano la metà delle emissioni di gas serra

Metà dell’inquinamento da combustibili fossili del pianeta è imputabile a novanta grandi aziende. Di conseguenza parliamo del 50% della responsabilità dell’innalzamento della temperatura terrestre e del 30% dell’innalzamento del livello del mare dal 1880 a oggi.

Lo spiega uno studio pubblicato su “Climate Change” da un gruppo di scienziati aderenti alla Union of concerned scientists, sigla nata nel 1969 nell’ambito del Massachusetts Institute of Technology.

Tra le aziende citate troviamo più importanti di combustibili fossili, tra cui Bp, Chevron, Shell, Total, ExxonMobil. Non manca l’Italia, con Eni e Italcementi, in questa speciale classifica. Queste aziende tricolori avrebbero contribuito all’aumento delle temperature rispettivamente per lo 0,3% e lo 0,02%.
Il resto delle aziende inquinanti si concentrano negli Stati Uniti, in Cina, in Russia e nell’area del Golfo Persico.

Questo articolo è stato letto 4 volte.

CO2, GlobalWarming, inquinamento, petrolio, Pozzi petroliferi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net