Il binomio "sigaretta - caffè" ha una spiegazione scientifica

Perché la sigaretta chiama il caffè? La scienza prova a darci una risposta

Non è un’abitudine salutare, ma sicuramente è radicata. Quante volte vediamo associata la sigaretta al caffè? Per molte persone è la pausa ideale.

Ma non è solo questione di abitudine, a quanto pare la spiegazione dell'accostamento tabacco - caffeina è genetico. Chi è predisposto a fumare tenderà anche a bere più caffè. La nicotina infatti fa metabolizzare più rapidamente la caffeina; per questo dobbiamo assumerne di più per aumentare l’effetto.

Lo spiega uno studio guidato da Marcus Munafò dell'Università di Bristol (UK). Gli studiosi hanno analizzato il profilo genetico di 250mila persone provenienti da Norvegia, Danimarca e Regno Unito. Dopo aver preso in esame le abitudini in fatto di consumo di bevande e fumo, la loro attenzione si è focalizzata su coloro che erano portatori di una particolare variante genetica che predisponeva a fumare di più. Si è scoperto che chi aveva questa variante genetica beveva anche più caffè (o tè, nel caso del Regno Unito, ma ciò non cambiava la sostanza dello studio, in quanto questa bevanda contiene una sostanza identica alla caffeina, la teina).

La teoria però non vale al contrario: chi tende a bere molto caffè non sarà indotto a fumare.

La conclusione tratta dall’indagine è ancora un’ipotesi, potrebbero esserci anche delle funzioni sconosciute associate alla variante genetica che predispone a fumare di più.

Ricordiamoci che non esiste solo il caffè per darci la carica quotidiana, anzi: ci sono soluzioni per evitare il consumo massiccio che può danneggiare la nostra salute.

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER