ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Coronavirus: Francia, 492 mila aziende hanno ottenuto prestito garantito da Stato per 84 mld-Usa: Kraft dona 1 mln di dlr per organizzazioni a difesa giustizia sociale-Borsa: a New York Dow Jones chiude in rialzo, +3,15%-Vaticano: Gianluigi Torzi, il molisano di Londra/Scheda-Vaticano: Gianluigi Torzi, il molisano di Londra/Scheda (2)-Vaticano: il pasticciaccio del palazzo di Chelsea/Scheda-Vaticano: il pasticciaccio del palazzo di Chelsea/Scheda (2)-Vaticano: il pasticciaccio del palazzo di Chelsea/Scheda (3)-Fase 3: si allungano tempi, verso Stati generali mercoledì a Villa Pamphili (2)-Fase 3: rapporto task force Colao nel weekend consegnato a Conte-Randstad, formati in 1.500 rimasti disoccupati durante emergenza-Fase3: fonti maggioranza, 'tensione Franceschini-Conte su stati generali'-Fase3: fonti maggioranza, 'tensione Franceschini-Conte su stati generali' (2)-**Fase 3: si allungano tempi, verso Stati generali mercoledì a Villa Pamphili**-Governo: sondaggio Ipsos, alta fiducia in Conte e nel governo, Lega primo partito-L’innovazione applicata a informazione ed educazione: Andrea Scanzi e Paolo Crepet ospiti sul Mainstage del WMF online nella giornata inaugurale-Coronavirus: Baffi si dimette da Commissione inchiesta Lombardia (2)-Fase 3: ecco lettera Conte-Sanchez a Ue, criteri a frontiere uguali per tutti-Fase 3: Conte, 'su confini Ue criteri condivisi per ritorno normalità'-Aids, diagnosi precoce e qualità della vita: a caccia di sviluppatori per soluzioni innovative

Gucci: addio pellicce, “sono fuori moda”

Condividi questo articolo:

Basta pellicce nelle collezioni Gucci, una decisione che cambierà il futuro della moda

Le pellicce sono passate di moda? Per la pelle degli animali sicuramente sarebbe una buona notizia. A dirlo non è un animalista, ma il presidente di Gucci Marco Bizzarri. 

Le nuove collezioni della casa di moda, a partire dalla primavera-estate 2018 faranno a meno delle pellicce.

Bizzarri ha parlato di un capo ormai “fuori moda” e ha rivendicato “l’impegno assoluto” di Gucci di fare “dello sviluppo sostenibile un elemento cruciale della nostra attività”. Non solo. Ha anche promesso, che il ricavato dalle vendite di pellicce di quest’anno sarà devoluto ad associazioni per la difesa degli animali come Humane Society International (Hsi) o l’italiana Lav (Lega antivivisezione).

A tirare un sospiro di sollievo saranno visoni, volpi, zibellini, karakul, conigli, opossum e molti altri animali allevati o catturati per diventare capi di moda.

“Essere socialmente responsabili è uno dei valori fondamentali di Gucci e continueremo a cercare di fare di più per l’ambiente e gli animali. Con l’aiuto di HSUS e LAV, Gucci è entusiasta di compiere questo ulteriore passo e spera che possa contribuire a ispirare l’innovazione e diffondere consapevolezza, cambiando l’industria della moda del lusso in meglio”, ha spiegato Bizzarri.

Simone Pavesi, responsabile LAV – Area Moda Animal Free, ha dichiarato: “La decisione di Gucci cambierà radicalmente il futuro della moda. Il rispetto degli animali è sempre più radicato nei valori delle persone e i grandi nomi della moda stanno gradualmente attuando politiche di responsabilità sociale in questa direzione. Mentre la moda diventa sempre più etica, le catene di approvvigionamento che ruotano intorno agli animali saranno una cosa del passato.”

Questo articolo è stato letto 4 volte.

animalisti, Gucci, Pellicce

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net