E se la tigre tornasse in Cambogia? Il primo caso di reintroduzione transnazionale

Un piano del governo cambogiano per salvare le tigri e avviare un ripopolamento  

Dal 2007, non si sono più viste tigri in Cambogia ed è per questo gli ambientalisti le hanno dichiarate «funzionalmente estinte». Il governo cambogiano ha però deciso di non arrendersi e ha varato un piano d'azione, con uno stanziamento che oscilla tra i 20 e i 50 milioni di dollari, per cercare di salvare questi bellissimi animali.

Il Cambodia Tiger Action Plan (CTAP) ha dichiarato il suo scopo: raddoppiare la popolazione delle tigri entro il 2022 – che è l'anno della Tigre secondo il calendario cinese. Questo obiettivo è in linea con l'iniziativa Tx2 che, dal 2010, coinvolge 13 Paesi. Il CTAP, infatti,  serve proprio a rafforzare l'impegno del governo cambogiano per raggiungere l'obiettivo Tx2 e delinea i passi che la nazione intende adottare per raggiungerlo.

Per cominciare, lavorando a stretto contatto con il WWF (World Wildlife Fund), due tigri maschi e cinque o sei femmine potranno essere ripristinate, nella Foresta Protetta di Mondulkiri, dove le forze dell'ordine sorveglieranno sia le tigri che le loro prede.

Il governo cambogiano ha già iniziato a parlare con altri Paesi, come l'India, per reperire le tigri. In caso di successo, il piano sarà il primo caso di reintroduzione transnazionale.

Secondo il WWF, la popolazione delle tigri è a un livello bassissimo: negli ultimi 100 anni c'è stata una perdita del 97% degli esemplari; ad oggi si stima che solo 3.200 tigri rimangono in natura – altre organizzazioni stimano un numero addirittura più basso, vicino a 2.000. 

Bracconaggio e deforestazione sono le cause principali di questo dramma. La reintroduzione delle tigri potrebbe essere un gran beneficio, oltre che per le tigri, anche per l'ecosistema della Cambogia e per la sua economia. Staremo a vedere.

Intanto, i 13 Paesi che aderiscono al Tx2 si incontreranno per discutere tutti i loro piani, a Delhi, in India, proprio questo mese.

 

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER