Basta ai cavalli per trasportare i turisti. Verdi contro Raggi: “mantenga promesse, vieti botticelle”

Gli animalisti contro questa sofferenza per i cavalli: "nasconde turni faticosi sotto il sole anche nelle ore più calde"

Chi ha visitato Roma sicuramente conosce le “botticelle”, carrozze trainate da calvalli che offronto ai visitatori tour della Città eterna.

Da tempo gli animalisti si battono per “liberare” i cavalli da questo impiego. "Oltre 10.000 cittadini romani hanno firmato per chiedere la dismissione delle botticelle e salvare gli 82 cavalli sfruttati per il trasporto di turisti e il sindaco Raggi in campagna elettorale aveva promesso che sarebbe stata una priorità. Dopo un anno non è stato fatto nulla". Lo afferma Rinaldo Sidoli, responsabile Verdi diritti Animali, che annuncia l'adesione da oggi del partito ecologista alla mobilitazione indetta da Animalisti Italiani, Enpa, Avcpp-IoLibero, LAV e Oipa.

"Noi, insieme agli animalisti - spiega l'ecologista - ci troveremo ogni giorno dalle 18:30 alle 19:52 sotto la statua equestre di Marco Aurelio, in Piazza del Campidoglio, per chiedere la votazione della delibera n.51/2015 per l'abolizione delle botticelle. Lo Statuto di Roma Capitale prevede 4 mesi per la votazione di una Delibera popolare, gli animalisti hanno atteso ben 29 mesi per il pronunciamento del Campidoglio, di cui 12 con l'attuale maggioranza".

Conclude Sidoli: "La pazienza è terminata. Noi Verdi, come promesso, ci batteremo per fermare questa sofferenza, che nasconde turni faticosi sotto il sole anche nelle ore più calde, lavoro forzato nel traffico di punta e condizioni spesso insopportabili per questi animali. È una battaglia di civiltà".

Le orecchie fra gli strumenti preferiti dai cavalli per comunicare.

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER