Anche il Vaticano ipotizza l'esistenza di extraterrestri

Padre Funes, gesuita e astronomo, dalle colonne dell’Osservatore Romano si interroga su altri mondi possibili e si chiede che tipo di esseri viventi dobbiamo cercare. ’Dalle nuove scoperte, commenta, indubbiamente verrà un allargamento dei nostri orizzonti concettuali. Verranno domande sui pianeti e le galassie e su cosa sia un essere vivente. Ma se cerchiamo nuove forme di vita, ‘dobbiamo almeno sapere cosa cercare, cioe’ definire cosa e’ un essere vivente’, quindi si allargheranno ‘i nostri orizzonti concettuali’. ‘E chissà se in una lontanissima galassia ellittica, qualcuno che abita su una ’super terra’ orbitante intorno a una ‘nana rossa’ e respira arsenico, in questo momento si sta facendo le stesse domande’. L’articolo e’ intitolato ‘Se qualcuno respira arsenico‘, ed e’ dedicato alle recenti scoperte in astrofisica, le ‘nane rosse’ di cui ha dato conto ‘Nature’, e il batterio capace di vivere attraverso l’arsenico, pubblicata su Science, così come l’altra notizia pubblicata sulla rivista scientifica dell’esistenza di un pianeta, molto più grosso della Terra, dove le temperature e il vapore acqueo formato da nubi densissime indicherebbero un potenziale di vita extraterrestre.

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER