Flash News:
Post title marquee scroll
Sanità: assessore Sicilia, 'rettore Palermo cerca scontro su Policlinico, molto grave'-Fase 2: Cottarelli, 'preoccupa Cdp come nuova Iri'-Cosmoprof Worldwide Bologna a supporto beauty con Wecosmoprof-Milano: sfregiò ex con acido, vittima, 'amareggiati, discriminati al contrario'-Da Lidl le mascherine Made in Italy-Milano: sfregiò ex con acido, condannata a 7 anni e 10 mesi-Fase 2: Sibilia, 'assistenti civici? Facciamo che è stata distrazione collettiva'-Como: droga e abusa di bambina, poi vende video sul web, pedofilo arrestato-Conti pubblici: Cottarelli, 'deficit e debito/Pil nel 2020 maggiori di previsioni Governo'-Conti pubblici: Cottarelli, 'deficit e debito/Pil nel 2020 maggiori di previsioni Governo' (2)-Fase 2: Cottarelli, 'rischio da sussidi e deficit, sparisce incentivo a efficienza'-**Giustizia: vertice di maggioranza a via Arenula domani, sul tavolo riforma Csm**-Un Master in Risorse Umane online per essere vincenti nel mondo del lavoro. Bianco Lavoro propone un percorso moderno ed innovativo-Fase 2: Castaldi, 'fuga avanti Boccia su assistenti civici, faccia passo indietro'-Incendio: rogo in terreno incolto a Palermo, paura per centro commerciale-Coronavirus: Alleanza lancia #Fattiavanti, campagna selezioni talenti su Linkedin-Fase 2: Buffagni, 'no assistenti civici, proposta non condivisa con M5S'-BPER Banca, in Veneto 4 borse di studio “Fondazione 150°”-Al via ‘Prospettiva Lavoro’ per minimizzare possibilità contagio in azienda-Fase 2, Maggino: "Costruire la ripartenza in condizioni di massima sicurezza"

Più alghe, meno gas

Condividi questo articolo:

Secondo un nuovo studio, mangiare alghe potrebbe ridurre la produzione di metano delle mucche

I ricercatori della University of California, Davis (UC Davis) hanno scovato una fonte di cibo inaspettata che potrebbe aiutare a ridurre la produzione di metano delle mucche: le alghe. Come è stato descritto in un recente studio, presentato al meeting dell’American Dairy Science Association, i bovini che mangiano un mix sperimentale di alimenti speciali, conditi con uno specifico ceppo di alghe, producono meno gas serra rispetto agli altri della loro specie.

Com’è noto, l’agricoltura contribuisce molto alle emissioni di gas serra: i ruminanti emettono ogni giorno enormi quantità di anidride carbonica e metano. Ed è proprio per far fronte a questo problema che i ricercatori della UC Davis hanno sperimentato nuove combinazioni di mangimi per le mucche.

Il fieno è stato mescolato con fino all’uno per cento di alghe rosse presenti in natura, le Asparagopsis armata (della divisione Rhodophyta), e, per incoraggiare le mucche a mangiare il nuovo cibo, è stata aggiunta della melassa come dolcificante naturale, anche per mascherare il sapore e l’odore salato.

Per misurare l’efficacia di questo nuovo mangime, i ricercatori hanno portano il bestiame in una speciale camera «etilometro», per tre volte al giorno, dove veniva misurato il respiro delle mucche: in questo modo è stato scoperto che le mucche che mangiavano il misto di fieno, alghe e melassa producevano molto meno metano delle altre – in tre esperimenti fatti nel giro di due settimane, si è visto che i ruminanti che mangiavano il più alto mix di alghe avevano dimezzato la produzione di metano.

Anche se questo ha visto ridurre (di poco) la produzione di latte, non ne ha cambiato il sapore e nessuna traccia di pesce o salsedine è stata trasferita nella produzione casearia.

Ovviamente, prima che le alghe possano diventare una parte importante dei mangimi agricoli, l’industria deve superare diversi ostacoli – il sapore, l’approvvigionamento, la validità economica dell’affare – ma potrebbe essere davvero una svolta per la riduzione delle emissioni di gas serra causate da questi ruminanti.

 

Questo articolo è stato letto 7 volte.

alghe, manzo, metano, mucche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net