Cernobyl, un nuovo sarcofago per la centrale? Facciamo il punto sulla situazione

La tragedia è ancora una ferita aperta e non si vede la fine del pericolo

Sono passati ormai 29 anni dal peggior disastro nucleare della storia e nonostante il tempo passato Chernobyl è ancora sinonimo di pericolo.

Greenpeace ha fatto luce sulla situazione della centrale ex-sovietica. Riassumiamo i tratti salienti del report:

- I costi per la costruzione del nuovo sarcofago sarebbero saliti a 2,15 miliardi di euro, il quadruplo delle stime del 1997.

- Mancano 615 milioni euro per completare l'opera. Se ne discuterà durante il prossimo G7.

- Il livello di radiazioni si è esteso e il nuovo sarcofago dovrà essere più grande del precedente. La cupola dovrà essere una  struttura autoportante di 257 metri di larghezza, 165 metri di lunghezza, e 110 metri di altezza per 31 mila tonnellate.

- Nel 1997 si stimava che i lavori sarebbero finiti nel 2005.

- C’è oltre un milione e mezzo di tonnellate di polvere radioattiva all'interno delle rovine. Se dovesse crollare le polveri arriverebbero a 50 km di distanza.

-  Per raggiungere l'ultima fase della strategia, andrà costruito un deposito geologico per i materiali contenenti combustibile nucleare. 

- Fino al 2017 sarà la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo finanziariamente responsabile del progetto. Poi sarà il turno dell'Ucraina e non ci sono stime affidabili dei costi per riportare il sito del reattore in un luogo ecologicamente sicuro.

- Purtroppo il recupero del materiale contenente il combustibile nucleare non fa parte del progetto, anche se la più grande minaccia per l'ambiente e per le persone deriva proprio dal combustibile nucleare.

In sostanza, nonostante siano passati quasi 30 anni, una soluzione per questa catastrofe non è ancora stata trovata.

All'inizio di quest'anno abbiamo rischiato che le nubi radioattive prodotte dallo scoppio della centrale di Chernobyl nel 1986 si diffondessero nuovamente in Europa a causa dell'aumento degli incendi nella zona.

a.po

 

 

 

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER