Cattiva qualità dell’aria. E’ anche colpa della cementificazione

La cattiva qualita’ dell’aria in Italia dipende dalle auto poco ecologiche, dall’industria poco attenta all’ambiente e, anche, dalla cementificazione selvaggia

L’Italia qualche giorno ha conquistato la maglia nera per la qualità dell’aria: troppo particolato, troppe polveri sottili, troppo ozono e troppo monossido di carbonio. Colpa certamente delle auto poco ecologiche, colpa dell’industria e colpa, anche, della cementificazione selvaggia.

Sì. Se la qualità dell’aria in Italia non è delle migliori è anche colpa della cementificazione, che negli ultimi anni ha tolto terreno fertile, alberi e piante. ‘Se la maglia nera per la qualità dell'aria tocca all'Italia, la colpa è anche della cementificazione selvaggia, che ha scippato all'agricoltura 1,9 milioni di ettari negli ultimi dieci anni’, ha dichiarato la Cia, Confederazione italiana agricoltori, commentando il rapporto 2012 dell'Agenzia Ue per l'Ambiente, relativo proprio al periodo 2001-2010.

Se, infatti, la cementificazione toglie terreno all’agricoltura, soprattutto nelle aree periurbane, ad essere danneggiato è anche l’ambiente: Un ettaro di terreno agricolo assorbe oltre due tonnellate annue di anidride carbonica e produce una tonnellata annua di ossigeno. Alla mobilità sostenibile e ad una politica industriale ambientale deve essere affiancata anche una cementificazione ragionata.

(gc) 

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER