Green Job. Il lavoro scacciacrisi riparte dall'agricoltura

Frutto del profondo cambiamento che ha attraversato la cultura e l'economia agricola, è ampia la schiera di nuovi lavori che prendono le mosse dall'agricoltura, per sconfinare nel welness e nelle ultime tendenze. Come il butterfly wedding, per delle nozze speciali

Se state cercando lavoro, dovete provare a guardare alle esperienze dei nonni, all’agricoltura. Ma con un’ottica tutta nuova. Agricoltura oggi non significa solo lavoro nei campi, e le opportunità oltre che molte sono varie. Si potrebbe quasi dire che l’immaginazione ed il rispetto per l’ambiente sono gli unici limiti.

Dal butterfly wedding all’ideatore dell’orto sul tetto, dall’agriwellness alla birra 100% italiana, l’affinatore di formaggio campano, l’artista del bergamotto e la filatrice di lana che trasforma un costo aziendale in guadagno. Sono queste alcune delle esperienze imprenditoriali presentate al salone "I valori della nuova manualità" nell’ambito dell’Assemblea Nazionale della Coldiretti alla presenza di 15mila coltivatori italiani provenienti da tutta Italia in rappresentanza di 1,6 milioni di associati.

Se Donatella Di Cola in provincia di Frosinone alleva in modo naturale bellissime farfalle per realizzare il butterfly wedding, meglio conosciuto come il volo delle farfalle durante il giorno delle nozze, nato negli Stati Uniti, ma che sta prendendo piede sempre più anche in Italia, Terenzio Boscolo e Loredana Brunello in provincia di Rovigo allevano oltre 300 struzzi che non solo danno carne e uova, ma forniscono bellissime piume che dopo essere state lavate, asciugate e vaporizzate vengono dipinte da mani sapienti per diventare dei meravigliosi ventagli per spettacoli di burlesque.

E ancora a Pienza, dove l’argilla senese lavorata con l’olio extravergine di oliva a km zero diventa una vera e propria miscela rigenerante per tutto il corpo, ma anche cetrioli, lavanda, rosmarino e fiori d’arancio si propongono come ottimi alleati della bellezza naturale presso l’agriturismo Casa Picchiata. Qui Gabriella e Nicola Pagotto, grazie al restauro di un vecchio fienile immerso tra olivi secolari e panorama mozzafiato, hanno realizzato un’accogliente zona relax dotata di piscina riscaldata, idromassaggio, nuoto controcorrente, getti cervicali, letti ad acqua, musicoterapia, cromoterapia e zona fitness.

E ancora: Vittorio Sangiorgio, un bravissimo vivaista salernitano che si è specializzato nel "verde tecnologico" attraverso la realizzazione di tetti verdi, vere e proprie coperture fatte di piante, ma anche di erbe aromatiche come rosmarino, salvia, basilico e prezzemolo. Il giardino pensile o l’orto sul tetto, come preferisce chiamarlo l’artista che lo realizza, non solo migliora l’efficienza energetica degli immobili, ma funge anche da riduttore delle onde elettromagnetiche emesse dai cellulari e limita l’inquinamento acustico. Inoltre garantisce un migliore deflusso delle acque piovane, evitando l’allagamento delle strade oltre a rendere esteticamente più gradevoli gli immobili.

(VG)

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER