Flash News:
Post title marquee scroll
Fase 2: Cottarelli, 'rischio da sussidi e deficit, sparisce incentivo a efficienza'-**Giustizia: vertice di maggioranza a via Arenula domani, sul tavolo riforma Csm**-Un Master in Risorse Umane online per essere vincenti nel mondo del lavoro. Bianco Lavoro propone un percorso moderno ed innovativo-Fase 2: Castaldi, 'fuga avanti Boccia su assistenti civici, faccia passo indietro'-Incendio: rogo in terreno incolto a Palermo, paura per centro commerciale-Coronavirus: Alleanza lancia #Fattiavanti, campagna selezioni talenti su Linkedin-Fase 2: Buffagni, 'no assistenti civici, proposta non condivisa con M5S'-BPER Banca, in Veneto 4 borse di studio “Fondazione 150°”-Al via ‘Prospettiva Lavoro’ per minimizzare possibilità contagio in azienda-Fase 2, Maggino: "Costruire la ripartenza in condizioni di massima sicurezza"-Fase 2: Scala dei Turchi presa d'assalto nonostante sigilli, 9 denunciati-Pubblicità: a marzo in Italia raccolta -29%, nel primo trimestre -9,2% (2)-Pubblicità: a marzo in Italia raccolta -29%, nel primo trimestre -9,2% (2) (2)-**Roma: in corso incontro Di Maio-Raggi alla Farnesina**-Coronavirus: in Lombardia cig marzo-aprile +184% rispetto ad anni crisi-Coronavirus: in Lombardia cig marzo-aprile +184% rispetto ad anni crisi (2)-Teatro Stabile del Veneto dà alla luce 'La figlia di Shylock' dalla quarantena-Gas: la greca Eda Thess nuovo socio associazione europea Gd4s-Fase 2: Valente (Pd), 'De Magistris irresponsabile, cittadini siate saggi'-Estate: cani salvataggio in azione a Forte dei Marmi, salvato un giovane dalla corrente

Cioccolato senza sensi di colpa

Condividi questo articolo:

La Colombia inizia a produrre un cacao che non aumenta la deforestazione

La Colombia è diventata il primo paese latinoamericano e il terzo paese al mondo a impegnarsi per una produzione di cacao che non comporti la deforestazione. Il governo ha firmato un impegno con la Cocoa and Forests Initiative, che è il movimento che si occupa di portare avanti l’idea di produrre un cacao che non distrugge le foreste, proponendosi di farlo in tutte le nazioni produttrici del mondo. 

La Colombia spera di raggiungere questo importante obiettivo in poco meno di due anni.
Come altre organizzazioni, anche l’azienda Casa Luker, una pietra miliare nella produzione del cioccolato colombiano, ha aderito all’iniziativa guidata dalla World Cocoa Foundation. In molti si sono impegnati ad aiutare la Colombia a realizzare la produzione di questo cioccolato «senza sensi di colpa» entro il 2020, in modo che la nazione possa unirsi alla Costa d’Avorio e al Ghana, diventando il terzo paese a impegnarsi nello sforzo anti-deforestazione – anche perché la Colombia, negli ultimi tempi, ha subito gravi perdite in questo senso.

Per evitare che il degrado continuasse senza porre nessun freno, il governo colombiano ha acconsentito a un quadro d’azione che sussiste in 11 impegni fondamentali, che includono, oltre alla prevenzione della deforestazione, anche la promozione delle aree protette, il rispetto dei diritti degli agricoltori, la trasparenza, il supporto ai mercati sostenibili e molto altro.

Di solito, quando mangiamo il cioccolato, soprattutto d’estate a ridosso della prova costume, pensiamo solo all’impatto che questo potrebbe avere sulla nostra linea; quello che dovremmo pensare invece è l’impatto che la produzione ha sull’ambiente e sperare che tutte le nazioni facciano come queste tre.
Speriamo che la Cocoa and Forests Initiative vinca la sua battaglia.

Questo articolo è stato letto 1 volte.

cacao, Colombia, Costa Rica, deforestazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net