Gli effetti dell'aumento delle temperature sui ragni

Secondo un nuovo studio, i ragni stanno diventando più aggressivi per colpa dei cambiamenti climatici

Secondo un recente studio pubblicato sulla rivista Nature Ecology and Evolution, il cambiamento climatico può influenzare il comportamento aggressivo dei ragni. Un team di ricercatori canadesi e statunitensi, guidati da Alexander Little della University of California Santa Barbara, ha concluso che le colonie di ragni comuni (Anelosimus studiosus), che in genere risiedono su fiumi o torrenti, possono essere influenzate dai cambiamenti climatici e dagli uragani, assumendo atteggiamenti modificati dal cosiddetto «disturbo indotto dal ciclone».

Il gruppo di ricerca ha condotto il suo studio sulla costa atlantica del Nord America e ha osservato 211 siti di ragni prima e dopo che venissero colpiti da un uragano. Ciò è stato possibile viaggiando nelle varie zone, prima e dopo questi eventi climatici specifici e misurando l'aggressività dei ragni alle vibrazioni indotte alla loro ragnatela da uno spazzolino elettrico o da un pezzo di carta.

Le osservazioni hanno mostrato non solo un aumento dell'aggressività, ma anche alcuni casi limite di colonie particolarmente innervosite, che hanno prodotto sacche extra di uova e hanno cercato di far sopravvivere più piccoli possibili della specie. Secondo i ricercatori, i ragni potrebbero diventare più aggressivi a causa della minore disponibilità di cibo dopo un ciclone o se una tempesta ha ucciso un ragno madre.

Questo non è il primo studio a occuparsi di come alcuni modelli meteorologici possano influenzare il comportamento degli animali; tuttavia, prima, gli altri studi si erano concentrati su eventi meteorologici estremi, non come gli uragani – che, tra l'altro, a causa dei cambiamenti climatici, sono molto in aumento.

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER