Il progetto Swmed , per un uso sostenibile dell’acqua nel Mediterraneo

La Regione Lazio e’ capofila del progetto Swmed, che promuove l’uso sostenibile dell’acqua nel Mediterraneo

 

Arrivare a un uso sostenibile dell’acqua è un obiettivo di alto valore etico. Ad Aprile 2014 terminerà il progetto europeo Swmed per la tutela e l’ottimizzazione dell’utilizzo dell’acqua dolce nel Paesi del Mediterraneo. I territori coinvolti sono la Sicilia, L’Isola di Gozo a Malta, il Governorato di Ariana, Nabeul e Tunisi, in Tunisia e l’intero Territorio Palestinese (Gaza e West Bank). 

La Regione Lazio svolge un doppio ruolo all’interno del progetto Swmed. Oltre ad essere capofila come regione importante, con una lunga storia di cooperazione internazionale nel bacino del Mediterraneo, è regione coordinatrice, cura la parte economico-finanziaria e giuridico-amministrativa ed è responsabile delle attività di comunicazione dei risultati raggiunti.

Il progetto è finanziato per il 90% dalla Commissione europea per un importo totale di 1,7 milioni di euro. L’obiettivo è quello di promuovere in ciascuno dei paesi partecipanti politiche volte al soddisfacimento dei bisogni idrici e delle esigenze igenico-sanitarie della popolazione riducendo il prelievo d’acqua. Le attività previste vedono lo studio in loco dell’analisi dell’acqua per definire una metodologia di risparmio idrico “su misura”.

(gc)

 

Chiara Palmieri

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER