Gli italiani scelgono l’acqua del rubinetto

A fidarsi maggiormente dell’acqua del rubinetto sono i cittadini di TriVeneto, Lazio e Lombardia. Maglia nera a Sicilia e Calabria

 

Fortunatamente anche gli italiani iniziano a preferire l’acqua del rubinetto a quella imbottigliata. A rilevarlo è uno studio incentrato sulla propensione al consumo di acqua potabile del rubinetto trattata e non, commissionato all'Istituto indipendente Cra Nielsen da Aqua Italia.

Tra le regioni a cui più piace l’acqua del rubinetto, quindi l’‘acqua del sindaco’, vi è il Triveneto, dove l'88% dichiara di bere acqua del rubinetto trattata e non. L’acqua non imbottigliata piace anche agli abitanti del Lazio, dove l'85% dichiara di bere acqua del rubinetto, della Lombardia, con l'81,8%. Poca fiducia nell’oro blu che sgorga dal rubinetto, invece, in Sicilia, Calabria e Basilicata che raggiungono quota 50,4%.

 

Sono tante le motivazioni che portano i cittadini a scegliere l’acqua del rubinetto: per il Triveneto, per esempio, le motivazioni della scelta sono la bontà (40,1%), il minor costo (29,5%) e la comodità (28,7%). La comodità è la principale ragione di scelta nel Lazio (31,5%), seguita dal gusto (28,6%) e dal minor costo (16,4%). Stesse motivazioni  anche per la Lombardia. Anche chi va in vacanza in queste tre regioni può contare sul’acqua del rubinetto, dissetandosi ai Chioschi dell'Acqua: si questi ci sono  58 installazioni nel Triveneto,13 nel Lazio e 382 in Lombardia, secondo il Censimento 2013: Aqua Italia e Federutility. 

(gc)

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER