Acqua: Ue approva il piano salva-acqua

L'Europarlamento ha lanciato lo stop ai consumi inefficienti dell'acqua e propone delle tariffe più trasparenti cercando una risoluzione agli sprechi

Il Parlamento europeo ha proposto il piano salva-acqua chiedendo in due punti chiave un uso più efficiente e lo stop alle reti colabrodo. Il piano dovrebbe applicare alle tariffe i due principi “chi inquina paga” e “ chi consuma paga”, rivedendo i sussidi e i fondi comunitari per le attività di elevato consumo. L'Assemblea di Strasburgo ha approvato ieri la risoluzione, affermando ancora una volta che il diritto all'acqua è universale e fondamentale.

Per inefficienze la rete idrica Ue perde ogni anno il 20% della risorsa e fino al 70% nelle città.

L'Europarlamento ha proposto anche le “bandiere blu” da assegnare alle spiagge per segnalare la qualità dell'acqua non solo al mare ma anche in tutte le aree di balneazione compresi fiumi e laghi.

 

Chiara Palmieri

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER