ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Industria alimentare guarda a fine anno con forte preoccupazione-Pantini (Nomisma), 'Da industria alimentare 30 mld valore aggiunto'-Mutti (Centromarca): 'Filiera alimentare può fare molto di più'-Cossiga: Mattarella cita Ortona, 'presidente né notaio né imperatore'-M5S: capigruppo Camere spiazzati da blitz probiviri, parlamentari contro eletti Ue-Auto: Ecoverso, mercato ibrido ed elettrico in ripresa dopo il lockdown-ForumDD, dote di 15.000 euro a ogni giovane, 9 mld in tutto per giustizia sociale-**Cossiga: Mattarella, 'artefice rinnovamento Servizi segreti dopo vicenda Piano Solo'**-Cossiga: Mattarella, 'consolidò rapporto italo-tedesco'-Cossiga: Mattarella, 'sua elezione a Capo Stato simbolo Quirinale presidio unità nazionale'-Cossiga: Mattarella, 'Presidente né notaio né imperatore'-**Caso Camici: gdf Milano acquisisce contenuti telefoni indagati**-Cossiga: Mattarella, 'rivendicò poteri Capo Stato in nomina ministri'-Cossiga: Mattarella, 'sua testimonianza civile e politica in patrimonio democratico italiani'-Cossiga: Mattarella, 'atlantismo ed europeismo suoi punti fermi'-Cossiga: Mattarella, 'da ministro Interno snodo importante solidarietà nazionale'-Cossiga: Mattarella, 'contro terrorismo garantì Stato diritto e unità forze politiche'-L.elettorale: Azione, 'Pd rinvia tutto e ci teniamo taglio fatto a casaccio'-Cossiga: Mattarella, 'uccisione Moro spartiacque per sua vita e per Italia'-Cossiga: Mattarella, 'forte legame con Sassari e Sardegna, omaggio a sue radici'

Vino, l’Italia spende bene i fondi Ue. Guarda i numeri

Condividi questo articolo:

Dei 294 milioni di euro in contributi ai diversi comparti della produzione vitivinicola, destinati da Bruxelles all’Italia per il 2011, il nostro Paese è riuscito a spenderne 291 in progetti validi e riconosciuti dall’Europa

Il vino italiano è uno dei prodotti di eccellenza della nostra terra. Se alla qualità delle materie prime viene aggiunta un’ottima organizzazione alla produzione ecco qua che il sistema funziona alla perfezione: così i fondi comunitari che arrivano dall’Organizzazione comune di mercato-Vino al nostro paese per sostenere il comparto vitivinicolo sono stati spesi per il 99%.

L’Unione europea, insomma, ha riconosciuto la validità delle nostre proposte e ha trasferito i fondi: quelli utilizzati ammontano a 291 milioni di euro, su un totale spendibile di 294. Una cifra considerevole del budget per il 2011 è stata utilizzata dai produttori per la ristrutturazione e riconversione dei vigneti. Si è trattato, anche quest’anno, della misura che ha assorbito le maggiori risorse, con oltre 93 milioni di euro: una cifra che rappresenta circa il 30% dello stanziamento globale. Nel corso di quest’anno, poi, è stata avviata la misura investimenti, le cui risorse sono destinate al miglioramento delle infrastrutture produttive e commerciali delle aziende vitivinicole.

Tra le misure finanziate anche la promozione dei vini sui mercati dei Paesi terzi. Nonostante la misura richieda che i beneficiari si facciano carico del 50% dell’impegno finanziario, anche per quest’anno è stato necessario incrementare l’importo inizialmente assegnato alla misura per poter procedere al pagamento dei 153 progetti presentati a livello regionale e dei 10 progetti nazionali, con uno stanziamento complessivo di 48,5 milioni di euro. Un esempio del fare bene che contraddistingue molte produzioni italiane.

Giacomo Gallo

Questo articolo è stato letto 9 volte.

fondi, fondi europei e vino, fondi Ue, produzione, qualità, Ue, vino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net