ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
**Governo: Renzi 'Conte non ha i numeri', ma Pd fermo su stop a Iv**-**Governo: Renzi 'Conte non ha i numeri', ma Pd fermo su stop a Iv** (2)-Archeologia: Bronzi di Riace, Museo Reggio Calabria prepara 50esimo ritrovamento-Archeologia: Bronzi di Riace, Museo Reggio Calabria prepara 50esimo ritrovamento (2)-Archeologia: Bronzi di Riace, Museo Reggio Calabria prepara 50esimo ritrovamento (3)-Governo: Pd, 'prezzo crisi immenso, in Parlamento tutti si assumano responsabilità'-Scrittori: ritrovati a Taranto scritti originali del Premio Nobel Quasimodo-Ue: Gentiloni, 'se Next Generation Eu funzionerà si potrà riproporre'-**Ue: Gentiloni, 'ruolo maggiore Stato comprensibile ora ma poi trovare equilibrio'**-Governo: Berlusconi, 'centrodestra unito e compatto, da sinistra spettacolo deludente'-**Danza: è morto Juan Carlos Copes, il leggendario ballerino di tango aveva il Covid**-Sport: Sbrollini e Nobili (Iv), 'preoccupazioni Malagò giustificate'-**Governo: Calenda, 'Mastella si chiama fuori? Bene non ne sentiremo la mancanza'**-Governo: Delrio, 'bentornato De Filippo, bene sì a fiducia'-**Governo: Renzi a parlamentari Iv, fiero di nostro lavoro, avanti su contenuti'**-Governo: Mastella, 'mi chiamo fuori, ci sarà Conte ter con Iv'-Governo: Renzi con parlamentari Iv, 'non hanno numeri, stiamo uniti'-Governo: Renzi con parlamentari Iv, 'domani decidiamo come comportarci'-**Governo: in corso riunione Crimi-Bonafede con direttivi gruppi M5S**-Arte: è morto Mitsumasa Anno, grande maestro giapponese dell'illustrazione (2)

Sicurezza alimentare: Efsa, attenzione ai rischi cancerogeni di caffe’ e biscotti

Condividi questo articolo:

L’Efsa, Autorità europea per la sicurezza alimentare, sta monitorando dal 2007 prodotti alimentari quali caffè, biscotti, patatine fritte. Potrebbe essere presente una sostanza come l’acrilammide che è un noto cancerogeno che si forma a temperature superiori ai 120 gradi centigradi

Caffè, biscotti e fritti cancerogeni. Mentre i cracker, i biscotti per l’infanzia e il pan di zenzero sono diventati più “sicuri”. Tutto dipende dalla presenza dell’acrilammide, composto chimico cancerogeno e genotossico che si forma nei prodotti alimentari durante la cottura a temperature elevate. L’acrilammide – si legge sul sito dell’Efsa, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare – è una sostanza “che può formarsi negli alimenti, solitamente nei prodotti amilacei come patatine, patate fritte a bastoncino, pane e fette biscottate, durante la cottura (frittura, cottura al forno e alla griglia) a temperature pari o superiori a 120°C”. Si tratta di “un noto cancerogeno per gli animali da laboratorio; pertanto è opportuno mettere in atto misure per ridurre al minimo l’esposizione derivante da tutte le fonti, compresa la dieta”. In seguito alle indicazioni – nel 2005 – da parte dell’Efsa, solo nei gruppi di alimenti realtivi ai cracker, ai biscotti per l’infanzia e al pan di zenzero si è registrato però un abbassamento dei livelli. L’impegno “volontario” da parte dell’industria, sembra aver ottenuto un successo parziale. Dal monitoraggio triennale condotto dal 2007 al 2009 è emerso infatti che i livelli di acrilammide sono persino aumentati in alcuni prodotti. Il caffè, i cereali, orzo e patate fritte sono i gruppi di alimenti che hanno presentato i livelli medi più alti del composto chimico cancerogeno. L’Efsa, avverte l’Autorità europea con sede a Roma, “continuerà a monitorare gli sviluppi in atto nella ricerca scientifica. Il nesso tra acrilammide e rischio di cancro nell’uomo è ancora incerto: alcuni risultati farebbero pensare a una relazione tra l’esposizione umana e l’insorgenza del cancro, mentre altri sarebbero in contraddizione con tale conclusione". (Nereo Brancusi)

Questo articolo è stato letto 18 volte.

biscotti, caffè, cracker, efsa, sicurezza alimentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net