Flash News:
Post title marquee scroll
Coronavirus: divisione Insurance di Intesa Sp finanzia progetti ricerca di quattro atenei-Sanità: assessore Sicilia, 'rettore Palermo cerca scontro su Policlinico, molto grave'-Fase 2: Cottarelli, 'preoccupa Cdp come nuova Iri'-Cosmoprof Worldwide Bologna a supporto beauty con Wecosmoprof-Milano: sfregiò ex con acido, vittima, 'amareggiati, discriminati al contrario'-Da Lidl le mascherine Made in Italy-Milano: sfregiò ex con acido, condannata a 7 anni e 10 mesi-Fase 2: Sibilia, 'assistenti civici? Facciamo che è stata distrazione collettiva'-Como: droga e abusa di bambina, poi vende video sul web, pedofilo arrestato-Conti pubblici: Cottarelli, 'deficit e debito/Pil nel 2020 maggiori di previsioni Governo'-Conti pubblici: Cottarelli, 'deficit e debito/Pil nel 2020 maggiori di previsioni Governo' (2)-Fase 2: Cottarelli, 'rischio da sussidi e deficit, sparisce incentivo a efficienza'-**Giustizia: vertice di maggioranza a via Arenula domani, sul tavolo riforma Csm**-Un Master in Risorse Umane online per essere vincenti nel mondo del lavoro. Bianco Lavoro propone un percorso moderno ed innovativo-Fase 2: Castaldi, 'fuga avanti Boccia su assistenti civici, faccia passo indietro'-Incendio: rogo in terreno incolto a Palermo, paura per centro commerciale-Coronavirus: Alleanza lancia #Fattiavanti, campagna selezioni talenti su Linkedin-Fase 2: Buffagni, 'no assistenti civici, proposta non condivisa con M5S'-BPER Banca, in Veneto 4 borse di studio “Fondazione 150°”-Al via ‘Prospettiva Lavoro’ per minimizzare possibilità contagio in azienda

I pescatori diventano i ‘guardiani’ del mare. E la sostenibilita’ ambientale si traduce in economia

Condividi questo articolo:

Chi pesca pulisce i fondali per 45 giorni l’anno, è la nuova idea lanciata dal ministro dell’Agricoltura Romano. Così i pesci si riproducono e l’attività può ricominciare. Come indennizzare però le imprese di pesca? Servono 22 milioni di euro, i soli fondi europei non sono sufficienti, per questo si sta lavorando sul Dl sviluppo

I pescatori diventano gli "spazzini" del mare. Anzi, per dirla meglio "guardiani" della sostenibilità marina. E le cose si capovolgono. Da che fino a poco tempo fa chi pescava "saccheggiava" le risorse marine, ora chi pesca potrebbe aiutare a ricostituirle. Un fermo biologico della pesca che dura 45 giorni durante il quale i pescatori si impegnano a rimuovere le carcasse dai fondali marini pulendo il mare e rendendo possibile la ricostituzione degli stock ittici. È la proposta del ministro delle Politiche agricole Saverio Romano, secondo il quale sostenibilità ambientale vuol dire la tutela dell’economia di settore. Perché la ricostituzione degli stock si traduce nella possibilità per gli operatori del settore di pescare anche nel prossimo futuro, senza dover fare i conti con l’estinzione delle specie annunciata dagli ambientalisti. Ma per il movimento cooperativo di categoria servono risorse. E chiede il recupero di fondi non utilizzati per il settore ittico, attraverso  un emendamento – da agganciare al DL “sviluppo” – al fine di sostenere adeguatamente l’attuazione del fermo temporaneo di pesca, “indispensabile strumento eco biologico”. Secondo l’Agci Agrital, la Federcoopesca-Confcooperative e la Lega Pesca, con un plafond di 22 milioni di euro, “si può ragionare su una sospensione dell’attività anche di 45 giorni. Le sole risorse comunitarie non consentirebbero, invece, di indennizzare tutte le imprese di pesca, costrette ad una inattività prolungata”. Il concetto di sostenibilità ambientale va sempre di più di pari passo con quella economica. Anche perché l’una dipende dall’altra. E questo i pescatori, chiamati dal ministro a fare i “guardiani del mare”, ormai lo hanno capito bene. (Nereo Brancusi)

Questo articolo è stato letto 5 volte.

imprese di pesca, mare, pesca, pescatori, pesci, settore ittico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net