Batterio killer: Coldiretti, le parole di Fazio salvano 300 mila imprese

Il Ministro della Sanità parla chiaramente del fatto che l'allarmismo sul caso del batterio E. Coli, che induce la gente a non mangiare frutta e verdura, non ha alcun senso. Coldiretti plaude all'iniziativa del ministro, perchè contribuisce a salvare 300 mila imprese del settore che rischiano il lastrico

L’ascolto delle rassicurazioni del Ministro della Salute Ferruccio Fazio sul fatto che "non mangiare la frutta e la verdura in Italia non ha alcun senso" salva trecentomila imprese agricole specializzate nella produzione di ortofrutta presenti in Italia che sono colpite da una psicosi alimentata dal caos con cui e’ stata gestita la vicenda del "batterio killer" a livello europeo. E’ quanto afferma la Coldiretti che ha promosso una mobilitazione "antipanico" degli agricoltori sostegno della qualita’ e della sicurezza alimentare Made in Italy da Milano a Latina dove a Fondi, davanti all’ingresso piu’ grande mercato ortofrutticolo italiano (Mof) con la distribuzione di prodotti e la preparazione di maxi insalate estive per i consumatori. Dopo i colleghi spagnoli sono scesi in piazza anche gli agricoltori italiani per difendere il settore ortofrutticolo Made in Italy che e’ leader in Europa con 300mila imprese ortofrutticole nazionali specializzate per una produzione - sostiene la Coldiretti - attorno ai 25 milioni di tonnellate che genera un fatturato di oltre 11 miliardi di euro e garantisce occupazione per 50 milioni di giornate di lavoro. . "L’Italia deve chiedere i risarcimenti alle competenti autorita’ europee per i danni economici subiti ingiustamente dai produttori di frutta e verdura nazionali", chiede il presidente della Coldiretti Sergio Marini in occasione del Consiglio dei Ministri Agricoli di Lussemburgo nel sottolineare che "analoghe richieste sono gia’ state formulate dal Portogallo e dalla Spagna per i ritardi e le incertezze accumulati nell’affrontare l’emergenza che hanno alimentato la psicosi". Con il crollo delle esportazioni e il calo dei consumi interni le perdite per il Made in italy ammontano secondo le stime della Coldiretti a 100 milioni di euro ma rischiano di aumentare a causa dell’incertezza. (fonte: Agi)

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER