Essere in forma grazie al latte e alla vitamina D

La vitamina D potrebbe migliorare le prestazioni fisiche delle persone anziane, mentre il latte potrebbe aumentare la massa magra

I ricercatori olandesi hanno studiato gli effetti delle proteine ricavate dal latte e della vitamina D sul corpo delle persone anziane. Lo studio, pubblicato sulla rivista Nutritional Research, aveva l'obiettivo di dimostrare l'effetto di alcuni integratori sulle prestazioni fisiche e sui nutrienti assimilati dal nostro corpo.

Si è trattato di meta-analisi di studi presi dai database Scopus e MEDLINE: i ricercatori hanno preso in esame 36 studi, per un totale di 4.947 partecipanti, scegliendo quelli a doppio cieco, randomizzati e controllati con placebo; in particolare, gli studi includevano partecipanti di età pari o superiore a 55 anni.

Le misure prese in analisi erano il peso, l'indice di massa corporea, la forza muscolare e le prestazioni. La maggior parte delle prove indicava che l'integrazione di proteine e vitamina D non condizionava in alcun modo i risultati.

Tuttavia, la meta-analisi ha rivelato che le proteine ricavate dal latte aumentavano il peso corporeo, con una differenza media di 1,13 kg (intervallo di confidenza al 95%, 0,59-1,67) e l'integrazione proteica aumentava la massa corporea magra.

Alcuni piccoli effetti dell'integrazione di vitamina D sono stati osservati nei partecipanti che hanno eseguito test Timed Up and Go (differenza media -0,75 secondi, intervallo di confidenza del 95% da -1,44 a -0,07). Questo effetto diventava più evidente quando le dosi di vitamina D andavano da 400 a 1.000 UI.

I ricercatori hanno concluso che l'integrazione di quantità adeguate di proteine derivate da latticini (20 go più) e vitamina D (400-1.000 UI) possono mostrare effetti interessanti sul profilo nutrizionale e sulla prestazione fisica delle persone anziane malnutrite o fragili.