Energy drink? No, grazie.

Le bevande energetiche possono causare disturbi cardiaci e scatenare il diabete

Alcune persone si affidano alle bevande energetiche per affrontare lunghe sessioni di studio o i turni notturni di lavoro. Tuttavia, gli esperti hanno dichiarato che queste bevande zuccherate contenenti caffeina sono associate a varie condizioni di salute, come il diabete e i disturbi cardiaci.

Nel 2016, negli Stati Uniti, il business delle bevande energetiche è stato un settore da molti miliardi di dollari. Si stima che raggiungerà un fatturato di 61 miliardi di dollari entro il 2020.

La maggior parte di queste bevande vengono vendure direttamente a bambini e adolescenti. Se combinate con altri farmaci o con l' alcol, i loro effetti collaterali possono peggiorare ulteriormente.

La caffeina presente in questi prodotti colpisce in modo significativo molti dei vostri organi vitali, in particolare il sistema cardiaco e nervoso. Ecco alcuni problemi di salute legati al consumo regolare di bevande energetiche...

Diabete - Alcune bevande energetiche contengono un'enorme quantità di zucchero. Nel tempo, il consumo può causare il diabete di tipo 2.

Disturbi cardiaci - Quando consumi una bevanda energetica, i vasi sanguigni possono irrigidirsi e la frequenza cardiaca aumentare. Questi cambiamenti possono causare, in persone che sono già a rischio di malattie cardiache, un infarto o ictus. Inoltre, ingredienti come la taurina possono aumentare la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna. Il consumo di bevande energetiche è stato legato anche a gravi complicazioni, come attacchi cardiaci, ictus e morte cardiaca improvvisa.

Insonnia - Troppa caffeina può causare insonnia. Potresti avere problemi ad addormentarti anche se il tuo corpo ha bisogno di riposare e riprendersi.

Problemi legati alla salute mentale - Le bevande energetiche possono causare cambiamenti nelle abitudini legate al sonno, sbalzi d'umore e periodi di ansia, specialmente nei bambini e negli adolescenti.

Anche il caffè ti da alcuni di questi effetti? Ecco 5 consigli per evitarli... 

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER