Dieta: come recuperare dopo gli eccessi delle feste

In questi giorni di festa abbiamo esagerato con cioccolata e dolci? Ecco come rimediare

 

Sono appena trascorse le festività Pasquali. Come al solito, ci siamo ripromessi di non esagerare, ma  quando ci siamo ritrovati sommersi di cibi tentatori non abbiamo saputo resistere. Come depurarci dagli eccessi delle feste? 

La regola generale è sempre la stessa: cercare di non digiunare completamente i giorni seguenti ma seguire semplici consigli che ci permettono di non accumulare fastidiosi chili di troppo e rimanere in salute. Prima di tutto dobbiamo cercare, in generale, nei giorni di festa, di non cucinare in eccesso, sia per evitare di dover buttare cibo prezioso, sia per non essere costretti a finirlo per forza, mangiando più del dovuto, anche dopo. Nei giorni successivi alla Pasqua e alla Pasquetta, ci possiamo limitare a fare pasti leggeri, preferendo insalatone ricche a pranzo, passati di verdure a cena, accompagnati da un secondo di pesce/carne magra/formaggi magri e freschi. Cerchiamo di abbinare sempre una fonte di carboidrati ai pasti, che può essere un pezzetto di pane integrale. Non dimentichiamoci di mangiare frutta fresca di stagione. Per quanto riguarda la colazione, non bisogna saltarla, ma ci si può permettere di mangiare un pezzetto di colomba o dolce pasquale, con una bella tazza di tè o latte. In questo modo si concentrano i carboidrati semplici nell'unico pasto dove fanno meno danni! Ricordo che la colazione è fondamentale per affrontare bene la giornata e mantenere alto il metabolismo. Facendo una colazione bilanciata e abbondante evitiamo di ingrassare, a differenza dell'opinione comune. A tal proposito rimando ad un mio articolo precedente dove approfondisco questo argomento (Quanto e’ importante la prima colazione?).

Un ultimo consiglio: muovetevi di più! Cercate di fare lunghe passeggiate con i vostri amici e/o cari, dopo i pasti. Non chiudetevi in casa ma andate al parco, camminate! Sicuramente vi sentirete presto meglio perché l'attività fisica (ebbene si, camminare rientra nell'attività fisica!) favorisce la digestione, oltre che il dispendio energetico!

Paolo Gozzo

 

 

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER